Il racconto della nascita del Salvatore nel Vangelo di Luca (2,1-20) trasmette un messaggio molto profondo sul significato del Natale, mostrandoci il volto misericordioso di Dio che Gesù è venuto a mostrarci con la sua vita. 

Mettersi dalla parte dei pastori di Betlemme, aiuta a comprendere molto bene la prospettiva di Luca.

Al tempo di Gesù i pastori erano discriminati, non potevano testimoniare né partecipare al culto perché considerati impuri, a causa della loro convivenza con animali, e disonesti, a causa delle loro violazioni dei confini territoriali. Le loro condizioni di vita precarie, scartati dalla società, religiosamente interdetti e, per questo, esclusi da ogni possibilità di salvezza. 

San Luca, in un modo quasi scandaloso, presenta i pastori come i primi destinatari dell’annuncio di Salvezza da parte degli Angeli. Incredibile, il Signore è venuto proprio per chi “è scartato”, e “non conta” e vive fuori dalla città, nelle periferie geografiche ed esistenziali.  

La nascita di Gesù è un evento unico e miracoloso, segnato dal canto degli Angeli e dalla gioia dei pastori che corrono a trasmettere ad altri la “buona notizia”.

Per questo, siamo invitati a contemplare l'importanza della fede e della speranza in questi nostri tempi difficili per l’umanità intera, poiché il messaggio di salvezza e di pace del Signore è destinato a tutti, in particolare a chi è escluso e discriminato.

Siamo, inoltre, sollecitati ad imitare i pastori che, subito dopo aver contemplato il bambino nella mangiatoia, non riescono a trattenere la gioia e corrono in tutta fretta ad annunciare ad altri la buona notizia della nascita del Salvatore.

Questo ci incoraggia a rispondere a nostra volta, con gioia e gratitudine, all'annuncio del suo amore e della sua grazia, per poi testimoniare questo messaggio a tutte le persone con cui viviamo e ai popoli con cui camminiamo.

Carissimi missionari, a tutti voi, sparsi nei quattro continenti, un augurio speciale di vicinanza affettuosa e incoraggiante, che questo Natale rafforzi la vostra fede e rinnovi il vostro impegno nella missione di testimoniare il volto misericordioso di Dio Padre pieno di amore e speranza, soprattutto ai più poveri. Possiate essere benedetti con la grazia di toccare innumerevoli vite e portare conforto a coloro che sono nel bisogno.

Come i pastori, anche noi andiamo a Betlemme, a incontrare il Bambino Gesù, sorgente di giustizia e pace, e poi, ripartiamo senza indugio nella Missione, per portare al mondo la consolazione e le benedizioni che abbiamo ricevuto. 

“Amiamo il Bambino di Betlemme! Amiamo il Bambino di Betlemme!… In questa festa non deve entrare solo la testa ma tutto il cuore. E chi non sente questo amore lo chieda a Gesù stesso per intercessione della SS. Vergine, che ardeva di amore mentre aspettava il suo Gesù”. (Così vi Voglio, n. 61). Buon Natale a tutti e tutte ovunque siate

* P. James Lengarin è Superiore Generale dei Missionari della Consolata

Messaggio completo in ITALIANO e INGLESE

20231219Natale02

Papa Francesco ha detto nel Natale di due anni fa: "la nascita di Gesù è la novità che ogni anno ci permette di rinascere interiormente e di trovare in Lui la forza per affrontare ogni prova". 

In questo periodo dell'anno celebriamo che il Padre non ci ha dato qualcosa, ma il suo Figlio unigenito, che è tutta la sua gioia. Eppure, se guardiamo all'ingratitudine dell'uomo nei confronti di Dio e all'ingiustizia nei confronti di tanti nostri fratelli e sorelle, sorge un dubbio: il Signore ha fatto bene a darci tanto, ha fatto bene a continuare a fidarsi di noi? Non ci sopravvaluta? Sì, ci sopravvaluta, e lo fa perché ci ama fino all'estremo. Non può smettere di amarci. Lui è così, così diverso da noi. Egli ci ama sempre, più di quanto noi stessi saremmo in grado di amare. Questo è il suo segreto per entrare nel nostro cuore. Dio sa che l'unico modo per salvarci, per guarirci interiormente, è amarci: non c'è altro modo. Sa che miglioriamo solo accettando il suo amore instancabile, che non cambia, ma cambia noi. Solo l'amore di Gesù trasforma la vita, guarisce le ferite più profonde e ci libera dai circoli viziosi dell'insoddisfazione, della rabbia e del rimpianto. 

Perché è nato di notte, senza un alloggio decente, nella povertà e nel rifiuto, quando avrebbe meritato di nascere come il più grande re nel più bello dei palazzi? Perché? Per farci capire quanto ama la nostra condizione umana: fino a toccare le nostre peggiori miserie con il suo amore concreto. Il Figlio di Dio è nato scartato per dirci che ogni persona scartata è figlia di Dio. È venuto al mondo come viene al mondo un bambino, debole e fragile, perché possiamo accogliere con tenerezza le nostre fragilità. E per scoprire qualcosa di importante: come a Betlemme, Dio vuole fare grandi cose con noi anche attraverso la nostra povertà. Ha messo tutta la nostra salvezza in una mangiatoia e non ha paura della nostra povertà. Permettiamo alla sua misericordia di trasformare le nostre miserie! 

A Betlemme, che significa "Casa del pane", Dio è in una mangiatoia e ci ricorda che abbiamo bisogno di lui per vivere, come del pane per mangiare. Dobbiamo lasciarci toccare dal suo amore gratuito, instancabile e concreto. Quante volte invece, affamati di divertimento, successo e mondanità, alimentiamo la nostra vita con un cibo che non soddisfa e lascia un vuoto dentro. Quel presepe, povero di tutto e ricco di amore, ci insegna che il cibo della vita è lasciarsi amare da Dio e amare gli altri. Gesù ci dà l'esempio: Lui, il Verbo di Dio, è un bambino; non parla, ma dà la vita. Noi, invece, parliamo molto, ma spesso siamo analfabeti in fatto di gentilezza. 

Un bambino ci fa sentire amati, ma ci insegna anche ad amare. Dio è nato bambino per incoraggiarci a prenderci cura degli altri. Il suo tenero pianto ci fa capire quanto siano inutili i nostri tanti capricci, e ne abbiamo tanti. Il suo amore impotente, che ci disarma, ci ricorda che il tempo che abbiamo non è per autocommiserarci, ma per consolare le lacrime di chi soffre. Dio viene ad abitare in mezzo a noi, poveri e bisognosi, per dirci che servendo i poveri lo ameremo.

A Natale celebriamo che Dio Padre è uscito da se stesso, per venire incontro a tutti gli uomini. L'azione missionaria è ciò che fa uscire la Chiesa da se stessa per andare incontro a tutti i popoli. E la forza motrice di entrambi i movimenti non può che essere l'amore, un amore disinteressato e universale. 

* Bernardo Baldeón è direttore di “Antena Misionera”, rivista IMC in Spagna

 

Papa Francesco è venuto a Greccio e ha firmato anche una lettera apostolica  partendo dalla riflessione sul presepe che dice parole bellissime. “il presepe è come un vangelo vivo che trabocca dalle pagine della Sacra Scrittura”.

Anche il nostro fondatore, Giuseppe Allamano, ci ricorda che Nostro Signore si è abbassato fino a farsi bambino e questo ci parla dell’umiltà e della semplicità del vangelo che diventa vita.

Per vivere la giornata di oggi sono sufficienti queste parole: umiltà, semplicità e vita. 

Qui la fantasia e la creatività della fede di San Francesco ha immaginato il presepe che non è qualcosa da guardare ma qualcosa da contemplare perché lì c’è tutto il vangelo, sintetizzato in una sola immagine.

Nel primo presepe (la notte di Natale del 1223) c’era solo l’essenziale: Giuseppe, Maria e il Bambino. Poi dopo si sono incorporati altri personaggi ma tutti loro guardano verso il centro di tutto, verso il bambino che nasce. Il presepe tradizionale mostra come tutto porta a Gesù bambino. 

Noi in casa abbiamo un presepe napoletano che ha cambiato nuovamente stile. In questo presepe i personaggi non guardano più verso il bambino ma continuano a fare la loro vita. C’è chi lavora, chi si arrabbia, chi tira a campare... in mezzo a loro c’è anche un bambino, per qualcuno è qualcosa di importante, invece per altri non cambia niente. Nel presepe napoletano ogni personaggio ha un nome e un ruolo. C’è per esempio “Benino” che è colui che è addormentato... Gesù viene ma Benino non se ne accorge nemmeno, lui continua con il suo sonno... e anche con i suoi problemi, difficoltà, lotte e passioni. Ma poi si sveglia perché ha sognato che sarebbe nato un bambino che avrebbe portato la salvezza all’umanità.

Anche questo stile di presepe deve interrogarci: Gesù viene alla nostra storia e noi non sempre ce ne accorgiamo, anche noi, quanti natali abbiamo celebrato e magari non ce ne siamo accorti della nascita di Gesù. Magari abbiamo fatto tante cose per aiutare a celebrare il Natale per le nostre comunità ma poi dentro di noi Gesù non è nato. Quante volte ci siamo addormentati malgrado i segni della presenza di Gesù nella nostra vita? 

Quindi Greccio è anche un invito a svegliarci perché Gesù viene a casa nostra e vuole abitare nel cuore e nelle case di tutti.

Poi c’è un altro personaggio che si conosce con il nome dell’incantato. A differenza di tutti gli altri, che continuano la loro vita, li rimane incantato, estasiato, davanti al miracolo della vita terrena e umana di Gesù. Anche noi, in questa vita così piena di problemi e difficoltà, dovremmo vivere una vita da “incantati”, lasciandosi sorprendere e stupire. Non è vero che tutto è stabilito e deciso... il Signore viene e la sua presenza fa cambiare questa storia umana. Nel presepe c’è la notte, e questa rappresenta le notti della vita e della storia, che sono molte, ma c`è anche il giorno che è la vita, la vita umana che si incontra con la vita divina e viene trasformata.

20221220Greggio02

Oggi il presepe ci lascia tre messaggi. 

Il primo è quello che ci invita a cercare la volontà di Dio nella nostra vita esattamente come ha fatto Giuseppe, come ha fatto Maria che la volontà di Dio l’ha accettata e come hanno fatto tanti santi che ciascuno a modo loro hanno fatto la volontà di Dio.

Il secondo messaggio è quello che ci invita a imparare ad essere discepoli, a metterci sul cammino di Cristo che è il vero maestro e che sta al centro di tutto, anche se è un bambino avvolto in fasce. Da questo bambino e dalla sua fragilità dobbiamo imparare ad essere discepoli.

Il terzo messaggio è quello che ci invita ad essere evangelizzatori. Sarà il messaggio centrale del giorno dell’Epifania e dalla figura dei Magi... loro sono in cammino per incontrare il Signore e continuano il cammino per portarlo lontano e portarlo a tutti. 

Anche noi allora davanti al presepe impariamo a fare la volontà di Dio; mettiamoci in cammino come veri discepoli che vanno a imparare il vangelo da Gesù Cristo e sentiamoci evangelizzatori e missionari perché questa gioia, questa bellezza e questo stupore non può rimanere soltanto per noi ma dobbiamo in qualche maniera raccontarlo agli altri, prima di tutto con la nostra vita. San Francesco diceva ai suoi frati... andate nel mondo ad annunciare il vangelo e se è necessario fatelo anche con le parole...

* P. Stefano Camerlengo è Superiore Generale dei Missionari della Consolata. Riflessione fatta in occasione del pellegrinaggio comunitario a Greccio, luogo nel quale San Francesco ha creato, nella notte di natale del 1223, il primo presepe della storia.

Lettera Apostolica Admirabile signum

“Il Signore vi conceda quella pace che in questi santi giorni venne a portare agli uomini di buona volontà, quali sono certo siete tutti voi. Pregate per noi e per i benefattori, che tanto si raccomandano alle nostre preghiere. Noi, presso la nostra Celeste Patrona, vi raccomandiamo continuamente e la supplichiamo a benedire voi e le vostre fatiche.” (Beato Giuseppe Allamano, ai missionari del Kenya, 124 dicembre 1907, in Lettere, pag. 96-99)

Carissimi missionari, missionarie, familiari, benefattori, amici: siamo a Natale e con gioia vengo a tutti voi per porgervi i migliori Auguri!

In questo nostro tempo sentiamo forte, da parte della gente, l’invocazione e la richiesta che non ci venga mai meno la Speranza nella nostra vita, nelle nostre comunità. Viviamo ore amare e difficili per tanti motivi, ma il Natale di Gesù viene ancora una volta per consegnarci una Speranza più forte del male e della morte.

Nel Vangelo della notte di Natale risuonerà forte l’annuncio degli angeli a non aver paura: “Non temete, ecco vi annuncio una grande gioia… “(Lc 2,10). Lasciamo che queste parole entrino nel nostro cuore e portino luce nella nostra vita.

Molto bello e illuminante è un pensiero del poeta francese Charles Pèguy: “La fede che preferisco, dice Dio, è la speranza. La piccola speranza procede tra le sue due grandi sorelle, la fede e la carità. E il popolo crede volentieri che siano le due grandi a trascinare la piccola per mano. Ma è quella in mezzo a trascinare le sue grandi sorelle. Senza di lei, loro non sarebbero niente. È lei, la piccola, che trascina tutto”.

Sulla strada che porta da Betlemme alla nostra quotidianità, è dalla Speranza che occorre farsi trascinare. Anche in questo difficile Natale 2022 siamo chiamati, ancora una volta, a far risuonare e scrivere nel cuore il dono straordinario di Dio: suo figlio Gesù. E questo è il segno di un Dio che ha per noi un amore smisurato. Scriviamolo nel cuore: “Dio mi ama!”.

Forti di questa certezza ed esperienza, ripartiamo da qui, ricominciamo un nuovo cammino, torniamo a lottare e sognare, sperare e amare, perdonare, servire, donare e donarsi. Impariamo da Gesù Bambino. Il Natale, quando è accolto nella fede, ci dona la capacità di rinascere con Cristo.

Rinnoviamo la speranza che sia possibile cambiare il cuore di ciascuno di noi, per servire come Gesù la vita del nostro tempo e del nostro mondo.

20221220Auguri2

Nell’Eucarestia e nella nostra preghiera personale chiediamo al bambino Gesù che ci regali gli occhi smisurati di Dio per vedere con occhi nuovi la vita, questi mesi così difficili e incerti, Dio stesso e il nostro prossimo. Ma per avere questi occhi smisurati, ci occorre il miracolo del Natale: la conversione del cuore, perché le radici degli occhi sono nel cuore. Auguro a me stesso e a tutti voi che, nella notte di Natale, possa accadere questo: tutto dipende da ciascuno di noi.

Portiamo all’altare del Signore tutti, gli ammalati, coloro che vivono nella sofferenza, le famiglie che sono in lutto della morte dei loro cari, gli anziani che in questi mesi sono i più fragili e vulnerabili, i giovani e i bambini con i loro genitori, i poveri e indifesi, gli abbandonati.

Il Natale di Gesù porti pace nel cuore, luce e un po’ più di serenità che ci viene dalla certezza che non siamo soli: Lui è sempre con noi, soprattutto nell’ora della prova, della tristezza e del dolore.

Dal profondo del cuore: Buon Natale!

Testo completo del messaggio in ITALIANO e INGLESE

Gli ultimi articoli

Missionarie della Consolata celebrano 100 anni di Consolazione in Etiopia

17-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Missionarie della Consolata celebrano 100 anni di Consolazione in Etiopia

Come meglio allora ringraziare il Signore per la Sua bontà? Arrivate in Etiopia nel marzo del 1924, le Suore Missionarie della...

Una serata a Senigallia per padre Matteo Pettinari

17-06-2024 Notizie

Una serata a Senigallia per padre Matteo Pettinari

La vita donata, la vita che chiede vita. La diocesi di Senigallia rende omaggio a padre Matteo Pettinari, IMC, a...

Un percorso spirituale verso la canonizzazione

16-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un percorso spirituale verso la canonizzazione

Stiamo vivendo la novena della Consolata in un clima molto speciale, quest’anno: dopo aver ricevuto la splendida notizia del decreto...

Fratelli Servi del Cuore Immacolato di Maria in festa

16-06-2024 Notizie

Fratelli Servi del Cuore Immacolato di Maria in festa

“La vergine mi inspira a fondare l’Istituto dei Fratelli”. Così affermava mons. Attilio Beltramino, missionario della Consolata e primo vescovo...

La durata in ufficio del parroco religioso

14-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

La durata in ufficio del parroco religioso

Dopo tre anni di ricerca-studio, nella Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Urbaniana in Roma, il missionario della Consolata...

Etiopia: da mercanti a “promotori di sviluppo”

14-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Etiopia: da mercanti a “promotori di sviluppo”

In occasione del centenario della presenza delle Suore missionarie della Consolata in Etiopia (1924-2024),  offriamo alcune spunti di lettura per...

II Convegno Internazionale Warao: 10 anni di diaspora

14-06-2024 Notizie

II Convegno Internazionale Warao: 10 anni di diaspora

Una delle opzioni pastorali dei Missionari della Consolata in Venezuela, dal 2006, è l'accompagnamento del popolo Warao nel Vicariato di...

XI Domenica del TO / B - Il Regno di Dio è come il seme gettato nella terra

12-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

XI Domenica del TO / B - Il Regno di Dio è come il seme gettato nella terra

Ez 17,22-24; Sal 91; 2Cor 5,6-10, Mc 4,26-34 La fiducia, la speranza e il coraggio in Dio sono le parole tematiche...

Giornata mondiale contro il lavoro minorile

12-06-2024 Notizie

Giornata mondiale contro il lavoro minorile

Lavoro minorile, infanzia negata per 160 milioni di bambini. Secondo le agenzie della Nazioni Unite il fenomeno è in crescita...

onlus

onlus