A few days ago, we received the sad news of the death of many people in the Mediterranean sea, who were trying to cross from Libya to different parts of Europe through Italy. It was of course not the first time we were hearing such devastating news. The “problem of the immigrants” is real all over the world. It is an issue of people running away from their countries to other countries looking for a better life, almost making the centuries old saying “North or South, East or West, home is best” appear a falsity. Even as the world continue fuming about the immigrants from Africa and Middle east into Europe, or from Mexico to America, the truth of the matter is that immigration of people did not start yesterday. We know from history that hundreds of thousands of people moved from Europe to the America between 17th and 19th century, and especially after the world war I and II. At that time, immigration was happening from the north hemisphere of the world to the southern hemisphere of the world, but today people seem to be moving more from the southern hemisphere to the northern hemisphere. The preoccupation of the Europeans are genuine, as was those of the people who received them in America after the world war I and II. The number of the immigrants in Italy for example says it all. In the province of Rome alone there are more than 380 thousand immigrants, 250 thousand of whom live in the county of Rome, making 10% of the population of those who live there. Among them, the average age of the immigrants is 37.2 years, while that of the Italians is 44.4 years. Of the immigrants living in Rome 52% are women. This obvious has socio-economic impacts. The sheer number of the immigrants requires some form of structured way of dealing with them, otherwise the whole issue of thousands of people coming in and going out of a country could also be a security issue.

The most interesting thing is that just as people are running away from their countries due to difficult situation today, so it was after the first world war and the second world war. Europe was poor and everybody was trying his best to look for a greener pasture. The big question now is: has the immigration of people become bad because it involves Africans and Arabs? What is disturbing is that while the Europeans were running away from situations they had created themselves in their own countries, Africans and the Arabs are running away from situation created by the Europeans and their western allies. If I may ask for example, who is to blame for the chaos in Libya if not those invaded the country and brought down its government? Why is there chaos in Iraq? Is it not because of the invasion of America? Even those who say that people are running away from Africa due to non-functional governments that have failed to take care of their people, should also ask themselves why are the governments not functioning. Is it not because of the powerful multinational corporations that pull economic and political strings in the poor countries? Aren’t most of these multinational corporations either European or American? This is another way of saying Europe and America can’t wash their hands off the problems facing the world, and particularly Africa, Arabian countries and Asian countries. Through colonisation, they built their now strong economies by using mineral resources of the now poor countries, and today through open market (supported by globalisation) they continue manipulating and destroying the lives of the people in poor countries unabated.

Of course it would be unfair to claim that all the problem of the world are tied to Europe or America. However, before dismissing the claim, it would be better we look into it again. With more and more people dying in the Mediterranean ocean every few days, it would be important to ask ourselves why hasn’t the problem been solved up to now? Or is it just impossible to stop the trend? I don’t think so! The truth is that there is no political will. In fact, the truth is that someone senior somewhere must be benefiting from all what is happening. The issue of immigrants from Africa and Middle East to Europe cannot be separated from human trafficking. The victims part with thousands of Euros to be facilitated to reach Europe “for a better life.” The question is who is behind the whole movement. Who owns the boats for example, and why is it difficult to apprehend them? In other words, just as drug trafficking and arms trafficking, human trafficking is a huge business. This means that if the world wants to stop the increasing deaths of innocent and desperate people in the Mediterranean ocean then someone must go for those behind the transportation.

In addition, although many people in Europe feel that the migrants are complicating their lives by taking away their jobs, in truth, the economy of some of the countries in Europe is highly intertwined with the immigrants issue – or better highly intertwined with the exploitation of the immigrants. An example. If an Italian firm wants to employ some persons, if it employs Italians, the Italian government will demand good wage, say 1000 Euro and benefits. The option some firms is always to employ immigrants who will accept anything for the wage and without benefits for survival. That way the firms lower their cost of production and maximizes their profits. Then there are those organisations that receive money from the government in the name of offering hospitality to the immigrants. Some offer sub-standard services, while in truth pocketing millions from the state. In other words, although the presence of the immigrants appears to be hated and disliked, there are many who are benefiting from the desperate situation. This is another way of saying, if truly the problem of the immigrants has to be solved, the world must be ready to deal with the underlying issues behind it. At the same time the world will have to be ready for a socio-economic and political revolution since the present status quo is founded on inequality in the society and the struggled to survive of the down trodden.

From this view of things, if the status quo if founded on the oppression of the rights of the down trodden, and if the Church has to stand firm for the poor as our Lord Jesus Christ demanded, then it is clear that not only is the mission of the Church far from over, but also that the Church cannot ignore any effort for a socio-economic and political revolution in the world. This explains why the care of immigrants has to continue being at the centre of the pastoral program in Italy. This also explains why we, the Consolata missionaries in Italy, have made it one of our pastoral options in Torino. At present we are making our contribution to the immigrants through the parish Maria Speranza Nostra which is located at the periphery of Torino, through chaplaincy of the Latin American community in Torino and through the Ecumenical Group of Torino, which is a group of the English speaking African protestants under our care. May the Good Lord inspire world leaders to come up with tangible and transforming solutions to the problems of the immigrants.

 

Oscar Romero, dejo una huella profunda en la Iglesia Latinoamericana  y mucho mas en el pueblo Salvadoreño

La comunidad  Salvadoreña residente en el Piemonte y en Turin se congrego el dia Domingo 22 de Marzo en la Iglesia de San Joaquin, en donde la comunidad o capellania Latinoamericana se reune todos los Domingos para celebrar la Eucaristia y compartir juntos los valores de Latinoamerica.....

Los Salvadoreños por iniciativa propia, quisieron compartir, costumbres, folklor, tradiciones , estilo y forma de vivir su cultura y fe......
Dieron a conocer la figura MONSENOR OSCAR ARNULFO ROMERO.......vida, compromiso y testimonio....

La comunidad Salvadoreña en Turin son cerca de 300 personas.....muchos de ellos conocieron personalmente al Martir y Beato Romero.....

DESPUES....el 24 de Marzo en el SANTUARIO DE LA CONSOLATA, celebramos la vigilia y Eucaristia por todos los martires , resaltando la figura del Beato Mons. ROMERO.....
Fue una celebracion, profunda, sentida y  preparada por la comunidad Latina.....
Mons. Carlo Ellena, Obispo emerito del Brazil fue el celebrante principal, con  presencia del Superior Regional  Miguel Angel y muchos misioneros de la Consolata, como tambien muchos sacerdotes de la Arquidiocesis...

Lo mas  sobresaliente fue la presencia de los inmigrantes, los Salvadoreños y muchisimas personas venidas de diferentes paises de America Latina....

Pudimos Constatar Que Monseñor Romero Sigue Vivo En La Mente Y En El Corazon Del Salvador Y De America.....

 

Sono ormai più di 70 anni che i Missionari e le Missionarie della Consolata sono presenti qui a Martina. Oltre tutto le Missionarie e i Missionari martinesi sparsi nel mondo sono tanti. Per la gente è normale ogni anno celebrarne la festa.

Lo schema della celebrazione, pubblicizzato da una locandina, potrebbe sembrare ripetitivo, visto che avviene da anni, ma ogni volta è “fresco”, come una cosa nuova!

Nella chiesa parrocchiale di S. Francesco, a due passi dalla nostra casa, ci siamo preparati assieme alla gente con un triduo. “Non voglio che i missionari e le missionarie siano persone tristi e scontente. La tristezza offusca la mente e debilita la volontà. Voglio persone di vera gioia“ Con queste e altre parole del Beato le Dame Missionarie del nostro gruppo hanno esordito il Rosario Missionario meditato la prima sera, continuando poi gli altri giorni su “l’Amore e la Misericordia di Dio, la speranza, la confidenza e la carità…” La Santa Messa di Giovedì, Venerdì e Sabato, presieduta dal Superiore della Comunità P. Angelo Baruffi, ha offerto l’occasione per diverse testimonianze missionarie.

La prima sera toccò a Suor Giovanna Geronimo, Missionaria della Consolata, martinese e parrocchiana di San Francesco in partenza per l’Amazzonia Brasiliana, ci ha parlare della santità del P. Fondatore a livello pratico ed esistenziale.  

La seconda sera ci fu la testimonianza, molto gradita e attesa, del nostro seminarista Accolito, Danstan Balayangaki Mushobolozi, tanzaniano di origine, qui a Martina per l’anno di servizio. Lui è stato santo alla grande, non un santo qualsiasi ma un grande santo e voleva che anche i suoi figli fossero santi”. Ha concluso la sua testimonianza con delle domande: Tutti i missionari e missionarie che sono stati qui a Martina, sono stati tutti dei santi anche loro? Da quando sono arrivati i missionari, qui ci sono stati dei cambiamenti in meglio? Come sarebbe stata la nostra chiesa senza i missionari? Perché, da quello che ho capito io - per il nostro Fondatore - una chiesa senza missionari santi, sarebbe un po’come una cucina senza cipolla! ”.

La terza sera ci fu la testimonianza di una coppia di animatori del nostro Centro per la formazione missionaria di adolescenti e giovani. “Dopo un inaspettato riavvicinamento a Dio trascinato da Annalisa, sono venuto a conoscenza delle parole del Beato Giuseppe Allamano “Siate Straordinari nell’ordinario”. Sono parole che ci hanno dato un senso alla vita che conduciamo ora … e presa per mano da Danilo, ci spingono a continuare ad alimentare nel futuro il fuoco della missione”.

Domenica sera, 15 febbraio vi fu la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dall’animatore missionario, il P. Tarcisio Foccoli.

La chiesa di San Francesco era addobbata a festa con fiori, bandiere delle diverse nazioni e del gruppo Dame Missionarie accanto all’immagine del Beato Allamano. L’animazione liturgica, affidata ai giovani dei tanti gruppi che frequentano il nostro Centro, con canti e danze hanno suscitato la curiosità e l’entusiasmo dell’assemblea. Presenti anche Don Ciro Santopietro, Direttore del Centro Missionario Diocesano con due segretari laici e il P. Claudio dei Missionari Saveriani, nostri vicini di casa, residenti a Taranto. La gente, amici e simpatizzati delle Missioni, presente in chiesa era una folla.

Siamo grati al parroco don Luigi De Giorgio che con gioia e gratitudine verso i missionari e le missionarie della Consolata ci ha concesso di vivere un’esperienza gioiosa con spirito di famiglia nella parrocchia nata con i Missionari e dove è sempre vivo l’amore per le missioni.

Martedì 17 febbraio, (martedì grasso!) come ormai da tradizione molta gradita ai Sacerdoti di Martina Franca, noi e le nostre sorelle, ci siamo riuniti per festeggiare il nostro Beato con una quarantina tra parroci e sacerdoti della Vicaria, con l’arcivescovo Filippo Santoro. Alle ore 12 tutti insieme nella cappella della Casa dedicata al Beato Allamano abbiamo pregato l’Ora Media. Il Vescovo ci ha sottolineato l’importanza di questo ritrovarsi insieme come presbiterio locale nel ricordo di un grande Sacerdote come il Beato Allamano, proprio per ricreare e vivere la fraternità sacerdotale. E’ seguita l’agape fraterna caratterizzata (oltre che da un menu graditissimo agli ospiti) da interventi gioiosi dell’Arcivescovo e di alcuni parroci. L’agape è terminata con il taglio della torta su cui era incisa la “dolce” foto a colori dell’Arcivescovo con la scritta “Benvenuto tra noi”.

Preziosissima e di grande dono la collaborazione per la cucina e il servizio a tavola delle nostre Dame missionarie, sempre così pronte, generose e attente per i Missionari: a ognuna di loro la nostra sincera gratitudine.

A conclusione abbiamo offerto a tutti i presenti, una quarantina, il libro “La lectio divina secondo il beato Allamano”

Chiudiamo queste celebrazioni nella speranza che i messaggi di questi giorni facciano crescere l’amore per le Missioni e l’entusiasmo per le vocazioni missionarie che a Martina Franca non sono mai mancate.

Gli ultimi articoli

Sour Margherita Demaria: collaboratrice dall'Allamano

04-03-2024 Triennio Allamano

Sour Margherita Demaria: collaboratrice dall'Allamano

Suor Margherita Demaria (1887 - 1964) è la prima e più stretta collaboratrice dell'Allamano nella direzione e formazione delle Suore...

Leggi tutto

La voce del Beato Giuseppe Allamano per la Quaresima

04-03-2024 I Nostri Missionari Dicono

La voce del Beato Giuseppe Allamano per la Quaresima

La Quaresima è un periodo liturgico di quaranta giorni –che inizia il Mercoledì delle Ceneri e termina il Giovedì Santo...

Leggi tutto

In memoria di padre Josiah K'Okal

03-03-2024 Missione Oggi

In memoria di padre Josiah K'Okal

A due mesi dalla morte del missionario della Consolata, padre Josiah K'Okal, lo ricordiamo con alcuni interventi significativi. Nato in Kenya...

Leggi tutto

La croce di Cristo scandalo-stoltezza, ma anche potenza e sapienza di Dio

03-03-2024 I Nostri Missionari Dicono

La croce di Cristo scandalo-stoltezza, ma anche potenza e sapienza di Dio

“Non voglio utilizzare le mie parole, ma voglio fare cantare soltanto la Parola di Dio”. Con questa motivazione, il biblista...

Leggi tutto

Mons. Joya: “Nella missione evitate la sindrome dei figli di Zebedeo”

01-03-2024 Missione Oggi

Mons. Joya: “Nella missione evitate la sindrome dei figli di Zebedeo”

Parlando ai missionari della Consolata che lavorano in Kenya e Uganda riuniti a Sagana per la loro 13 Conferenza Regionale...

Leggi tutto

Card. Marengo: “Donne Chiesa Mondo”. Pregare insieme nella ger

01-03-2024 I Nostri Missionari Dicono

Card. Marengo: “Donne Chiesa Mondo”. Pregare insieme nella ger

Sul numero di febbraio del mensile de L'Osservatore Romano, la testimonianza del cardinale Giorgio Marengo, IMC, prefetto apostolico di Ulaanbaator...

Leggi tutto

Amazzonia: un luogo teologico missionario

29-02-2024 Missione Oggi

Amazzonia: un luogo teologico missionario

Il Vicariato Apostolico di Puerto Leguizamo - Solano in Colombia sta svolgendo un corso di introduzione per i missionari che...

Leggi tutto

Kenya: "Siate i nuovi Mosè dei nostri giorni", dice il vescovo di Murang'a

29-02-2024 Missione Oggi

Kenya: "Siate i nuovi Mosè dei nostri giorni", dice il vescovo di Murang'a

Il vescovo della diocesi di Murang'a, in Kenya, Mons. James Maria Wainaina Kung'u, ha invitato i missionari della Consolata a...

Leggi tutto

Burkina Faso, il vescovo di Dori: “Al sangue dei terroristi rispondiamo con l’amore”

29-02-2024 Notizie

Burkina Faso, il vescovo di Dori: “Al sangue dei terroristi rispondiamo con l’amore”

Dopo l’attacco ad una parrocchia costato la vita ad una decina di persone, il titolare della diocesi colpita e presidente...

Leggi tutto

onlus

onlus