Con l'attacco terrorista a Copenaghen di due giorni fa, è evidente come vi sia un'escalation del terrorismo islamico sempre più vicino all'Europa. Addirittura, nel video della decapitazione dei 21 egiziani copti, uno dei boia si vanta di essere "a sud di Roma".

Insomma questi terroristi stanno ormai per occupare l'Europa. Nel loro fanatismo violento e sanguinoso, il loro tentativo di "invasione" viene presentato con forti accenti confessionali, come una "anti-crociata".

Tutti i Paesi europei sono preoccupati nel vedere che il terrorismo si avvicina. Finora  si tratta di un terrorismo spontaneo, di individui, ma è chiaro che a provocare questi scoppi di violenza è la forza di imitazione che il terrorismo organizzato genera nei giovani europei.

Questa nuova era di terrorismo affascina giovani in difficoltà. Il supposto killer danese era uno che era già stato in prigione;  pure i due attentatori francesi di Charlie Hebdo e del negozio kosher lo erano. Il terrorismo organizzato offre uno scopo a giovani musulmani europei in crisi d'identità e di valori. Tutti questi giovani attentatori sono nati in Europa, figli di migranti islamici.

Un conflitto confessionalizzato

Tutto il mondo è in crisi, ma per i musulmani essa ha a che fare con la religione. Per questo, per loro la crisi viene ad avere un volto confessionale.

Certo ci sono accenti confessionali anche in Europa: molta destra europea agita le minacce contro i cristiani per raccogliere consensi; negli Stati Uniti vi sono uccisioni di musulmani giustificati come guerra confessionale; il premier israeliano Benjamin Netanyahu continua a citare le violenze che subiscono i cristiani in Medio oriente per giustificare  l'isolazionismo di Israele nella regione. E ora - a un mese dalle elezioni israeliane - spinge gli ebrei in Europa a emigrare in Israele per avere più sicurezza! Sono stato molto contento che il gran rabbino di Danimarca abbia chiarito la situazione e abbia criticato Netanyahu per questa offerta.

Di fatto, ogni Stato sta approfittando della crisi terrorista in funzione dei propri interessi: gli Stati Uniti cercano di riprendere una certa leadership senza fare molto; Israele cerca di giustificare il suo essere "indispensabile" alla salvezza degli ebrei; l'Europa è in affanno per le sue necessità energetiche. Ma questo impegno dell'occidente contro il terrorismo ha delle enormi falle. Ad esempio, le sfide e le violenze di Boko Haram in NIgeria, o i massacri contro le minoranze cristiane e yazide in Iraq, non ricevono la stessa attenzione.

La mia impressione è che si sia ormai formato un movimento terrorista in nome dell'islam. All'inizio esso era focalizzato solo nel conflitto sunnita contro gli sciiti e in parte continua così a livello locale (v. Libano, Pakistan, Iraq,...); ora si è allargato a un conflitto di islamisti contro l'occidente, dove l'occidente è definito sempre "crociato", per cui la lotta è fra islamisti e cristiani.

La parola "crociato" nella bocca dei musulmani è emersa all'incirca nell'ultimo ventennio. Nei libri di storia, anche quelli sulle crociate, la parola che si usava per indicare i combattenti per il Santo Sepolcro era "firing, franchi". Ora invece per definire un occidentale o un qualunque cristiano si usa la parola "salibi", di invenzione recente.

Questa parola ha avuto un grande successo nella propaganda islamista e nell'adesione di nuove reclute. E' di questi giorni la notizia che Ansar-al-islam è entrata nello SI con più di 1000 uomini.

Lo SI appare come un gruppo vincente, efficace e quindi i vari gruppetti sperano di entrarvi per avere più gloria, ma anche più soldi e finanziamenti. Questo del finanziamento dello SI e delle armi che vengono loro date è davvero un problema che nessuno affronta. In questi giorni essi hanno minacciato i loro nemici con degli Scud: questi non sono dei giocattoli, ma vengono da enormi vendite e cessioni.

Ormai lo SI sta assumendo una nuova dimensione: l'avvicinamento all'Europa. Ciò avviene sia con i piccoli pazzi locali, i cosiddetti "lupi solitari". I loro attentati fanno pochi morti a confronto con le centinaia e le migliaia uccisi dallo SI in Medio oriente, ma fanno molta impressione e clamore perché avvengono in Europa.

Libia, l'avamposto dello Stato islamico

Lo SI ha ormai scelto la Libia come suo avamposto. Ai suoi occhi la Libia presenta molti vantaggi: è un Paese allo sfascio, dove non funziona nulla e quindi le milizie hanno la libertà di fare tutto quello che vogliono; è un Paese che ha il petrolio, per cui se lo SI occupa pozzi e raffinerie potrà avere fondi a non finire per continuare la sua lotta. Se i jihadisti conquistano tutta la Libia, non avranno più bisogno del sostegno dell'Arabia saudita e del Qatar: saranno autonomi dal punto di vista finanziario. Anche l'attacco contro i Kurdistan ha lo stesso scopo: occupare i pozzi di petrolio del Nord Iraq per garantirsi una fonte di entrate.

Lo SI mira a queste zone anche per poter continuare l'avanzata verso l'Europa.

Citare l'Italia, come loro hanno fatto dicendo che "siamo a sud di Roma", è un passo strategico: l'Italia è la nazione europea più vicina alla Libia (senza contare l'isola di Malta).

Per conquistare l'Italia essi citano un strano detto di Maometto, che non si capisce da dove sia stato tratto.

Stiamo perciò passando da un evento islam-islam a un progetto più largo, verso l'Europa, pur senza dimenticare l'occupazione del Medio Oriente e il califfato.

Penso che l'Europa saprà difendersi, ma il turbinio e i messaggi che lo SI lancia creeranno difficoltà per decenni: si trovano sempre individui pronti a farsi saltare o a compiere attentati in modo imprevisto. E' una situazione molto più grave di qualche anno fa.

Finora l'occidente ha cercato solo di contenere questo pericolo dello SI e mantenerlo rinchiuso in Medio oriente, ma con gli attacchi di Parigi e di Copenhagen  il problema si è ormai diffuso in Europa e in occidente.

L'occidente guarda ai suoi interessi economici e politici, mentre il Medio oriente soffoca nella mancanza di democrazia a causa di regimi che l'occidente stesso sostiene.

La pista della guerra è allora l'unica possibile? In questo momento io temo che sia un passo inevitabile. E' da sperare che non scoppi una vera e propria guerra, ma che vi sia un'operazione militare che riduca la forza nociva di questi terroristi.

E' evidente che questi terroristi sono delle persone addestrate, capaci, efficienti. Anche i loro video sono perfetti dal punto di vista tecnico, spettacolari con i loro riti. Questa propaganda mette terrore a tutti e diffonde il senso che ormai l'umanesimo è un valore perduto.

La vera e l'unica soluzione pero' è nel ripensare l'Islam in funzione del mondo odierno. Ripensare la sharia in funzione della cultura dell'uomo moderno e della Carta universale dell'Uomo, senza cadere nel libertinismo e nel secolarismo occidentali. Questa è la rivoluzione culturale e religiosa che molti musulmani desiderano e tentano di fare, ma non sono sostenuti dai religiosi che decidono delle interpretazioni del Corano e della sharia. Di recente, il 28 dicembre scorso, il presidente egiziano, il generale Al-Sisi, ha chiesto agli imam dell'Università islamica più famosa del mondo, Al-Azhar, di fare "una rivoluzione religiosa", e intendeva questo.

Questa rivoluzione, questa riforma è indispensabile. Sono convinto che gli imam musulmani non sono in grado di farla in questo momento. Ma penso che noi cristiani possiamo (e dobbiamo) aiutarli a farla, e nello stesso tempo a rivedere anche noi le nostre stesse posizioni in Occidente, per ritrovare i valori comuni all'umanità e il rispetto delle credenze di tutti i popoli, anche se diverse dalle nostre.

Gli ultimi articoli

Da persona a persona

26-09-2022 Preghiera missionaria

Da persona a persona

La samaritana torna nella sua città a raccontare quanto è accaduto. Torna in quel luogo dove tutti la conoscono e...

Leggi tutto

Venezuela. Shock e consolazione

26-09-2022 Missione Oggi

Venezuela. Shock e consolazione

Joseph Kihiko, keniota di 35 anni, lavora nella parrocchia di San Joaquín y Santa Ana de Carapita (Caracas, Venezuela). Questo...

Leggi tutto

A Martina Franca "Siamo tutti Frate…

26-09-2022 I Nostri Missionari Dicono

A Martina Franca "Siamo tutti Fratel Argese"

Adesso, anche a Martina Franca, dove Peppino è nato, i giovani sanno chi era Fratel Argese: straordinario Missionario della Consolata...

Leggi tutto

Giornata Mondiale del Migrante e Rifugia…

26-09-2022 Notizie

Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato. Costruire il futuro con i migranti e i rifugiati

Cari fratelli e sorelle!  Il senso ultimo del nostro “viaggio” in questo mondo è la ricerca della vera patria, il Regno...

Leggi tutto

Con lo spirito del buon samaritano

26-09-2022 Notizie

Con lo spirito del buon samaritano

Le porte sono sempre aperte. Di notte e di giorno. L’accoglienza nella parrocchia di Oujda, in Marocco, non ha orari...

Leggi tutto

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno …

21-09-2022 Domenica Missionaria

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). "Stava alla sua porta, coperto di piaghe"

Am 6,1a.4-7;Sal 145:1 Tm 6,11-16;Lc 16, 19-31. Le letture liturgiche di questa domenica ci parlano dell'atteggiamento che dobbiamo avere con i...

Leggi tutto

È quasi già festival

20-09-2022 Formazione missionaria

È quasi già festival

{youtube}https://www.youtube.com/watch?v=rKDXIMbDAeY{/youtube} SCARICA LIBRETTO SCARICA DEPLIANT

Leggi tutto

Non sentirsi arrivati ma uomini in cammi…

20-09-2022 Preghiera missionaria

Non sentirsi arrivati ma uomini in cammino

Non sentirsi arrivati ma uomini in cammino, e quindi in continua crescita, sembra essere alla base del cammino spirituale. Un...

Leggi tutto

Madagascar. Primi matrimoni in missione

20-09-2022 Missione Oggi

Madagascar. Primi matrimoni in missione

Il 20 ottobre prossimo, la Missione di Beandrarezona compirà 3 anni dalla sua apertura ufficiale nella Domenica missionaria del 2019...

Leggi tutto

onlus

onlus