TERRA SANTA - Incendio doloso danneggia la Cappella dell'Ascensione, sul Monte degli Ulivi

Pubblicato in Notizie
Letto 1741 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

13 SL terra santa 2Mercoledì 8 marzo un incendio di origine dolosa ha danneggiato la Cappella dell'Ascensione, in cima al Monte degli Ulivi. Secondo quanto riferito dai media della Custodia di Terrasanta, uno pneumatico è stato dato alle fiamme presso la roccia – custodita all'interno della cappella – da dove, secondo una tradizione risalente ai primi secoli cristiani, Gesù è asceso al cielo. E' stato danneggiato dal fuoco anche un armadio contenente cartoline e oggetti religiosi messi in vendita da una famiglia musulmana che custodisce il luogo sacro. Secondo la polizia, proprio una disputa tra due famiglie coinvolte nella custodia del luogo sacro. Una persona è stata arrestata per essere interrogata.

La cappella dell'Ascensione è uno dei quattro Luoghi Santi condivisi, gestiti secondo le regole dello Status Quo, l'insieme di disposizioni di origine ottomana che ne regolano i diritti di proprietà e di accesso. Dei quattro Luoghi Santi condivisi (gli altri tre sono la Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, quella della Natività a Betlemme e la Tomba della Vergine, nella valle del Cedron) la cappella dell'Ascensione è l'unica sotto la giurisdizione della Waqf, l'autorità musulmana dei luoghi santi.

La cappella attuale risale al periodo crociato ed è stata costruita al posto di un precedente distrutta nel 614 dai Persiani. Il luogo sacro è frequentato anche dai musulmani (che ammettono l'Ascensione al cielo di Gesù, pur negando la sua morte in croce e la sua resurrezione).

Gerusalemme. Pizzaballa: incendio a portone chiesa, atto di racket

◊   radiovaticana

Un nuovo gesto vandalico in Terra Santa, dove è stata forzata e bruciata nella notte tra martedì e mercoledi la porta d’ingresso della Chiesa dell’Ascensione, sul Monte degli Ulivi. Ma quali sono le ipotesi investigative sulla natura di questo deprecabile atto? Roberta Gisotti lo ha chiesto a mons. Piebattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme: 

 

R. - Chi è stato lo sappiamo. Si tratta di una lite fra due famiglie che probabilmente devono gestire gli ingressi al sito, che durante l’anno è a pagamento e dentro questa lite qualcuno ha appiccato il fuoco. Queste sono le informazioni che abbiamo ma sono ancora parziali e attendiamo che la polizia ci faccia avere notizie più precise al riguardo.

D. – Quindi non sarebbe un atto di tipo religioso?

R. – Indirettamente lo è, ma l’intenzione non era tanto anticristiana quanto sul controllo di quella zona. Siamo più forse nell’ambito del racket… Poi tutto si mischia.

D. - Lei ha inviato di recente una lettera alla sua comunità ecclesiale per l’inizio della Quaresima dove fa un primo bilancio della sua attività nel Patriarcato a circa 6 mesi dal suo arrivo a sanare una situazione delicata. Quali problemi ha incontrato?

R. – Ci sono problemi di carattere amministrativo e finanziario. Devo dire che entrando dentro ho visto con maggiore lucidità e chiarezza l’entità di questi problemi, che non sono piccoli. Allo stesso tempo però devo anche dire che ho incontrato ormai tutti i preti della diocesi uno per uno a casa loro, nelle parrocchie, nelle diverse realtà, e ho visto insieme ai problemi finanziari anche la determinazione da parte di tutti ad affrontare questa situazione e un’assunzione di responsabilità che credo sia importante. Questo fa ben sperare che poco alla volta… naturalmente ci vorranno anni per uscirne…si parla di debiti, tanto per essere chiari. Però spero che, una volta ci sia un intento comune e si dovrà stabilire una strategia, se ne possa uscire nel giro di qualche anno.

D. – Lei nella lettera scrive: abbiamo molto da fare, è il momento di iniziare il lavoro di riforma, ricostruzione e rinnovamento in vari settori non solo quello dell’amministrazione…

R.  – Certo, quando si tocca l’amministrazione si tocca un po’ un aspetto centrale della vita perché nell’amministrazione c’è anche il nostro senso di trasparenza, c’è un modo di intendere le attività pastorali. Tutto questo funzionerà se ci sarà una comunione di intenti all’interno di tutta la diocesi.

D. – Questi problemi che si sono creati hanno causato sfiducia da parte dei fedeli rispetto a chi doveva amministrare bene?

R. - Questo è difficile da dire, soprattutto in queste realtà, specie poi quando si parla di soldi ci sono tante voci, tante opinioni. La lettera serviva anche per chiudere il periodo di gossip, le mormorazioni, il chiacchiericcio, per fare un po’ di chiarezza e cominciare a parlarne. Credo che la lettera sia stata apprezzata dalla gente perché almeno hanno avuto una parola chiara. Credo di avere percepito un clima di fiducia, di solidarietà.

D. – Quindi ha trovato verso la sua persona un clima positivo su cui rilanciare le attività pastorali…

R. – Certo. Poi l’unanimità non ci sarà mai, ma i problemi sono chiari, sono seri, quindi ci vorrà molto impegno. Però non sono da solo, c’è gran parte della diocesi che si metterà di buona lena ad affrontare questa situazione.

Gli ultimi articoli

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

SECAM rilancia l'ufficio di collegamento dell'UA e nomina capo ufficio il P. Stephen Okello, IMC

23-02-2024 Notizie

SECAM rilancia l'ufficio di collegamento dell'UA e nomina capo ufficio il P. Stephen Okello, IMC

Il Simposio delle Conferenze Episcopali di Africa e Madagascar (SECAM) ha rilanciato il suo Ufficio di Collegamento dell'Unione Africana (SECAM-AU...

Leggi tutto

Missione Catrimani: incendi minacciano le comunità Yanomami

22-02-2024 Notizie

Missione Catrimani: incendi minacciano le comunità Yanomami

Come se non bastasse l'estrazione mineraria (garimpo) e la conseguente crisi umanitaria (influenza, malaria, malnutrizione, stupri, morte e distruzione dell'ambiente)...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus