IV domenica di Avvento. Anno C. Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa

Pubblicato in Domenica Missionaria

13domenicaM01 852456

 

Mi 5, 1-4;
Sal 79; 
Eb 10, 5-10;
Lc 1, 39-48

Le letture di questa domenica ci permettono di contemplare segni piccoli e semplici, persone e realtà umili attraverso le quali, Dio compie le sue grandi opere di salvezza. A Betlemme, un piccolo ed insignificante paese, secondo il profeta Michea, sarebbe nato il Messia, da Maria, che riconoscendo la sua piccolezza, si mette, in fretta, al servizio di Elisabetta e Zaccaria. Betlemme e Maria sono modelli dell’umiltà e disponibilità dell’accoglienza: in questo caso del Messia.

 E tu, Betlemme…  da te  uscirà il dominatore in Israele

La prima Lettura non solo sottolinea la piccolezza e l'insignificanza di Betlemme, ma anche e soprattutto, viene messo in risalto che Dio, da questa piccolezza, farà nascere il Salvatore, colui che sarà grande fino agli estremi confini della terra e che sarà Egli stesso la pace. Betlemme, “casa del pane”, non è solo il villaggio più piccolo fra i villaggi di Giuda ma anche uno degli ultimi. Infatti, l'autore pone l'attenzione su Betlemme che egli riconosce tanto piccolo, di ben poca importanza, pur essendo tra i capoluoghi di Giuda. Ma da questa piccola realtà nascerà colui che porterà la speranza e la pace, colui che pascerà con la forza del Signore, colui che darà sicurezza e pace al popolo, “sarà grande fino agli estremi confini della terra” (v. 3). Da un popolo umiliato a causa della dominazione straniera, nascerà il dominatore di tutta Israele e sarà Lui che si leverà e pascerà con la forza dell’Altissimo. 

È un messaggio di speranza non solo per il piccolo resto d'Israele ma anche per tutti fino agli estremi confini della terra. È allo stesso tempo un messaggio di pace poiché da questa piccola realtà nascerà quello che viene chiamato la pace per l’umanità. Dall'umiltà, dalla piccolezza nasce la vera speranza e pace. È quest’umiltà e questa piccolezza – Betlemme - che accoglie la speranza e la pace di tutto un popolo. Dalla nostra piccolezza Dio può far nascere la pace e la speranza. Mettiamoci alla sua disposizione.

Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa

Subito dopo l'annunciazione, Maria si alza e si mette in viaggio “in fretta”, con zelo e slancio, senza frapporre indugi, per recarsi presso una sua parente che abita nella regione montuosa. Maria, giovane ed umile vergine, quella che non conosce uomo, alla quale l'angelo ha rivelato un grande progetto, va a visitare la sua parente molto più vecchia di lei. La strada verso la regione montuosa che Maria percorre corrisponde a tre, quattro giornate di cammino. Questa umile e insignificante ragazza agli occhi degli uomini ma che per Dio è “piena di grazia” quella che per eccellenza è oggetto dell'amore e della grazia di Dio. È lei che si dichiarerà “l’umile serva del Signore” annoverandosi dunque tra i piccoli, i poveri e si proclama lei stessa “umile”. Perché questa giovane ragazza si mette in viaggio per andare da Elisabetta se non è stata da lei chiamata?

È vero che Maria, non poteva tenere dentro di sé e con sé, la bella notizia che aveva appena ricevuto, di essere la madre del Salvatore e dunque aveva il desiderio di con-dividere. Avrebbe potuto con-dividere con i suoi genitori oppure con le persone che le erano accanto senza avere bisogno di andare nella regione montuosa e fare tre o quattro giornate di cammino, ma l'angelo le aveva anche comunicato che la sua parente Elisabetta, sterile, era al sesto mese di gravidanza, grazie all'azione dello Spirito di Dio.   Maria avendo capito che la situazione di Elisabetta comportava una fatica e un impegno più grandi del normale va da lei ad aiutarla. Maria è dunque mossa dal desiderio di fare un gesto di carità, di generosità e di amore, non vede   se stessa, ma pensa all’altra persona, al suo bisogno mettendosi a sua disposizione. Avrebbe potuto pensare, sono incinta e voglio avere tutti i riguardi, invece ha pensato alla sua parente, in età avanzata, che avrebbe avuto sicuramente più bisogno. Non pensa a se stessa, al compito che le è stato affidato.  Questa è la volontà del Padre: è necessario vivere e manifestare l'amore reciproco. “Per portare la vita non serve essere donne…. In questo vangelo Maria è feconda e genera azione solo con un saluto… ognuno di noi con piccoli gesti può essere generativo. Le due donne hanno età diverse, ma quello che le unisce è la generatività”.  

La carità e la generosità di Maria divengono una grazia per tutti, non solo per Elisabetta ma anche per Giovanni. Grazie alla carità premurosa di Maria, Giovanni sussulta nel grembo di sua Madre la quale è colmata dello Spirito Santo. Maria è Madre del Messia, nel suo grembo porta il Santo, colui che è fonte di ogni benedizione e sorgente di gioia messianica.  Questa benedizione e gioia sono propagate da Maria.

Il discepolo missionario, nel Vangelo della visita di Maria ad Elisabetta, si contempla lo Spirito d'Amore che fecondando il grembo verginale di Maria la spinse ad accorrere al servizio dell’anziana parente. 

Il discepolo missionario si prepara, come Maria, a vivere un Natale estroverso, come afferma Papa Francesco, cioè un Natale dove al centro non ci sia il nostro “io”, ma il Tu di Gesù e il tu dei fratelli, specialmente di quelli che hanno bisogno di aiuto. Il discepolo missionario allora lascerà spazio all’Amore che, anche oggi, vuole farsi carne e venire ad abitare in mezzo a noi.

 Buon cammino verso la meta agognata con le parole di don Primo Mazzolari: “Sei venuto per tutti: per coloro che credono e per coloro che dicono di non credere.  Gli uni e gli altri, a volte questi più di quelli   lavorano. Soffrono.   Sperano perché il mondo vada un po’ meglio … Sei il Salvatore degli orientali e degli occidentali, sei con tutti, non per dare ragione a tutti, ma per amare tutti”

Altro in questa categoria: Natale del Signore – Anno C »

Gli ultimi articoli

Conferenza Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

25-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza  Regionale e i 100 anni della presenza in Mozambico

"Lo Spirito Santo è il protagonista della missione e noi, come missionari, siamo i collaboratori di Dio". Con queste parole...

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

25-05-2024 Notizie

Prima Giornata Mondiale dei Bambini

“Ecco il faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5) Indetta da Papa Francesco, Roma ospita questo fine settimana, 25 e 26...

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

24-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Solennità della Santissima Trinità / B - Dio uno e trino: Padre, Figlio e Spirito Santo

Dt 4, 32-34.39-40; Sal 32; Rm 8,14-17; Mt 28,16-20 Le letture di questa Domenica dedicata alla Santissima Trinità ci immergono nella...

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

23-05-2024 Notizie

Annuncio storico: Allamano sarà canonizzato

Direttamente da Bogotà, in Colombia, dove sta partecipando alla XIII Conferenza Regionale, il Superiore Generale dei Missionari della Consolata, padre...

Giuseppe Allamano sarà santo!

23-05-2024 Notizie

Giuseppe Allamano sarà santo!

Nell’udienza concessa questo giovedì 23 maggio 2024 al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, Papa Francesco...

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

22-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Colombia: rivitalizzare la passione per la missione

"Una sola comunità, una sola missione, una sola speranza" è il motto della XIII Conferenza regionale dei missionari della Consolata...

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

22-05-2024 Notizie

Tratta di persone: è una “pandemia globale"

Assemblea Generale della Rete Internazionale contro il traffico di esseri umani Talitha Kum - sul tema: «In cammino insieme per...

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

21-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Sudafrica-Eswatini: rafforzare la vita comunitaria

L'ottava Conferenza della Delegazione dei Missionari della Consolata in Sudafrica-Eswatini si è svolta presso il Pax Christi Centre, diocesi di...

Yanomami: Siamo ancora vivi

21-05-2024 Missione Oggi

Yanomami: Siamo ancora vivi

Dalla violenza totale alle azioni di emergenza. Durante l’incontro organizzato dal Centro Cultures and Mission (CAM) di Torino in Italia, il...

onlus

onlus