XIV Domenica del tempo ordinario (Anno A). Imparate da me, che sono mite e umile di cuore

Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli
Pubblicato in Domenica Missionaria
Vota questo articolo
(0 Voti)

Zc 9,9-10;
Sal 144;
Rm 8,9.11-13;
Mt 11,25-30.

La liturgia di questa domenica ci insegna dove trovare Dio. Ci assicura che Dio non si rivela nell'arroganza, nella superbia e nella prepotenza, ma nella semplicità, nell'umiltà, nella povertà e nella piccolezza. La prima lettura ci presenta un Dio inviato che viene incontro agli uomini in povertà, umiltà e semplicità; e in questo modo elimina gli strumenti di guerra e di morte e stabilisce una pace definitiva. Nel Vangelo, Gesù loda il Padre perché l'offerta di salvezza di Dio all'umanità (rifiutata dai "sapienti e dagli intelligenti") ha trovato accoglienza nel cuore dei "piccoli". 

 Le hai rivelate ai piccoli 

La predicazione di Gesù sul regno suscita reazioni diverse: da una parte l'indifferenza, frutto dell'orgoglio umano, come nel caso degli abitanti di Chorazin, Betsaida e Cafarnao, ma anche dei farisei, degli scribi e dei sommi sacerdoti; dall'altra l'accoglienza, come nel caso dei poveri, degli umili e degli emarginati. A loro sono stati rivelati i misteri del Regno, mentre ai sapienti e agli intelligenti sono stati nascosti. Gesù elogia la semplicità e l'umiltà. E si presenta come un modello di semplicità, ma soprattutto di mitezza e umiltà: "Imparate da me, perché io sono mite e umile di cuore".

In primo luogo, Gesù si rivolge al Padre con una preghiera di lode e di ringraziamento. In essa rivela che la sua emozione più profonda è la gratitudine verso il Padre: "Ti benedico, Padre, Signore del cielo e della terra". Invoca il Padre e si rallegra della sua predilezione per i piccoli e del fatto che le cose più profonde siano rivelate a loro: "perché hai nascosto queste verità ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli".

Le verità del Regno sono state nascoste ai sapienti e agli intelligenti. Essi si chiudono al mistero del Regno. Non sono aperti alla novità della rivelazione divina; Dio non smette di rivelarsi, ma loro pensano di sapere già tutto. I "grandi", installati nella loro superbia e autosufficienza, non hanno né il tempo né la disponibilità per le sfide di Dio; ma i "piccoli", nella loro povertà e semplicità, sono sempre disponibili ad accogliere la novità liberante di Dio. 

Gesù non rifiuta la saggezza e l'intelligenza, né ci esorta in alcun modo a una bassa autostima o a sminuire le nostre capacità e qualità. Al contrario, ci sfida a mettere le nostre capacità e qualità al servizio del Regno, coltivando nel nostro cuore la vera sapienza e intelligenza, che non si traduce nell'accumulo di molte conoscenze, ma nella sublime arte di mettere in pratica ciò che abbiamo imparato nella gioia nuova che solo il servizio per amore può offrirci.

Per Gesù, le verità del Regno si rivelano ai piccoli. I "piccoli" possono essere i "poveri", ai quali viene annunciato il Vangelo, o gli "umili", cioè coloro che ascoltano e accolgono la Parola. I semplici e i piccoli sono ricettivi: sono come una spugna che assorbe l'acqua e hanno una capacità di sorpresa e di meraviglia. Hanno un cuore aperto a Dio e alle sue proposte; si sintonizzano con Dio per fare un'esperienza profonda e intima di Dio. 

Accettano Gesù e lo seguono perché è il Figlio e solo lui ha una profonda esperienza di intimità e comunione con il Padre. Perché è lui che conosce il Padre, perché “nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare”. Sono coloro che conoscono Dio e Gesù e vivono in un rapporto intimo e di comunione. I piccoli si identificano con i miti e gli umili e non con i superbi che non sono pronti ad accettare Dio e i suoi valori e a rischiare le sfide del "Regno".

I piccoli sono i discepoli che imparano da Gesù a essere miti e umili di cuore. Rispondono positivamente all'invito di Gesù: "Venite a me". Si incamminano sulla strada del discepolato per imparare e vivere secondo il suo cuore, che è una scuola dell'arte di amare. Infatti, egli dice chiaramente "imparate da me, che sono mite e umile di cuore". La mitezza e l'umiltà saranno vie sicure per accogliere la grandezza e la potenza del Regno di Dio. In questo modo, come discepoli siamo chiamati a sintonizzare il nostro cuore con quello del Maestro, affinché anche la nostra vita diventi un luogo di annuncio della bellezza dell'amore di Dio e diventi luogo di accoglienza, di disponibilità e di conforto per coloro che camminano stanchi e travagliati lungo i sentieri della storia. 

Il discepolo missionario è, secondo Papa Francesco, colui che è umile e imita l'umiltà del Maestro. Per il Santo Padre, Gesù “si rivolge agli umili, ai piccoli e ai poveri, perché si è fatto povero e umile. E per imparare, in primo luogo, bisogna essere umili e riconoscere la propria ignoranza e il proprio orgoglio, che ci portano a pensare di poter fare tutto da soli, con le nostre forze. È necessario avere le orecchie aperte alle parole del Maestro. È così che impariamo il suo cuore, il suo amore, il suo modo di pensare, vedere e agire. Ci vuole coraggio per stargli vicino e imitarlo".

Ultima modifica il Venerdì, 07 Luglio 2023 11:55

Gli ultimi articoli

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

SECAM rilancia l'ufficio di collegamento dell'UA e nomina capo ufficio il P. Stephen Okello, IMC

23-02-2024 Notizie

SECAM rilancia l'ufficio di collegamento dell'UA e nomina capo ufficio il P. Stephen Okello, IMC

Il Simposio delle Conferenze Episcopali di Africa e Madagascar (SECAM) ha rilanciato il suo Ufficio di Collegamento dell'Unione Africana (SECAM-AU...

Leggi tutto

Missione Catrimani: incendi minacciano le comunità Yanomami

22-02-2024 Notizie

Missione Catrimani: incendi minacciano le comunità Yanomami

Come se non bastasse l'estrazione mineraria (garimpo) e la conseguente crisi umanitaria (influenza, malaria, malnutrizione, stupri, morte e distruzione dell'ambiente)...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus