Jul 07, 2022 Last Updated 5:14 PM, Jul 5, 2022

VEGLIA MARIANA

Visite: 1528 volte

In onore
della tutta Santa Madre di Dio
Canto iniziale

Celebrante:  

Grazia a voi e pace da Colui che è, che era e che viene, dai sette spiriti che stanno davanti al suo trono, e da Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dei morti e il principe dei re della terra.

Assemblea:  

Lui che ci ama e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, che ha fatto di noi un regno di sacerdoti per il suo Dio e Padre, a Lui la gloria e la potenza nei secoli dei secoli.

Amen.  

La Madre di Gesù, come in cielo glorificata ormai nel corpo e nell’anima, è immagine e inizio della Chiesa che dovrà avere il suo compimento nell’età futura, così sulla terra brilla ora innanzi al peregrinante Popolo di Dio quale segno di sicura speranza e di consolazione, fino a quando non verrà il giorno del Signore. Guardiamo a lei per imparare la via della santificazione.  

Preghiamo.  

O Dio, tu che avvolgi la nostra esistenza con l’amore ineffabile del tuo sguardo, che ci pervade ovunque, in ogni istante e da sempre: per intercessione di Maria, Madre di Cristo Signore, sii la luce di ogni nostro pensiero e desiderio, guidaci sulla via della vita e concedici di porre tutta la nostra speranza solo in te e amarti con tutto il nostro cuore. Tu che vivi e regni...  

Amen

IN ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO  

Dal Libro della Genesi (3,12-15)

Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posta accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato». Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato». Allora il Signore Dio disse al serpente: «Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno».

Parola di Dio.

Responsorio

Ritornello cantato:  

“Al re piacerà la tua bellezza,
è il tuo Signore prostrati a Lui.”

Ascolta, figlia, guarda porgi l’orecchio
dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza;
è il tuo Signore, prostrati a lui.

Rit.

Da Tiro vengono portando doni
i ricchi del popolo cercano il tuo volto,
la figlia del re è tutta splendore,
d’oro e di gemme è il suo vestito.

Rit.

Al re è presentata in preziosi ricami,
con lei ti son condotte le vergini compagne
guidate in gioia, guidate in esultanza,
entrano insieme nel palazzo regale.

Rit.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli
li farai capi di tutta la terra.
A tutte le età ricorderò il nome tuo,
ti loderanno i popoli in eterno.

Rit.

Dal libro dell’Apocalisse di San Giovanni Apostolo (21,9-14.22-27)

Poi venne uno dei sette angeli che hanno le sette coppe piene degli ultimi sette flagelli e mi parlò: “Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell’Agnello”. L’angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scendeva dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino. La città è cinta da un grande e alto muro con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e ad occidente tre porte. Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Agnello.
Non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio, l’Onnipotente, e l’Agnello sono il suo tempio. La città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina e la sua lampada è l’Agnello. Le nazioni cammineranno alla sua luce e i re della terra a lei porteranno la loro magnificenza. Le sue porte non si chiuderanno mai durante il giorno, poiché non vi sarà più notte. E porteranno a lei la gloria e l’onore delle nazioni. Non entrerà in essa nulla d’impuro, né chi commette abominio o falsità, ma solo quelli che sono scritti nel libro della vita dell’Agnello.

Parola di Dio.

Canto al Vangelo.

Alleluia, Alleluia, Alleluia:

Salve, piena di grazia, il Signore è con te. Eccomi sono la serva del Signore.

Alleluia, Alleluia, Alleluia.  

Dal Vangelo secondo Luca (1,26-38)

Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto». E l’angelo partì da lei.

Parola del Signore.

PRESENTAZIONE DEI DONI

Si offrono portandoli in processione all’Icona di Maria:

una corona del Rosario,
una lucerna,
dell’acqua limpida,
dei fiori.

Si esegue un canto mariano. 

ANAMNESI

Il Cristo venuto dal cielo rivestì forma mortale. A Gabriele fu prima mostrato l’integro corpo castissimo; quindi l’Arcangelo disse così alla fanciulla: “accogli, o Vergine, Dio nel tuo cuore immacolato”. Detto questo, Dio infuse grazie a Colei che doveva essere per sempre vergine.

All’udire, fu presa, insieme, da timore e da stupore. Stette immobile tremando e il suo animo fu come smarrito, mentre il cuore le palpitava forte a causa delle misteriose parole che aveva udito. Quindi il suo cuore si allietò e si confortò per quelle parole. E sorrise, come bambina e arrossì nelle guance allietata di gioia e pervasa nel cuore da un delicato senso di pudore. E a lei tornò il coraggio e il Verbo volò nel suo grembo. Fattosi carne nel tempo e presa vita nel grembo, assunse forma di uomo mortale e fu bambino, nato da parto vergineo.

Questa è grande meraviglia per gli uomini. Ma nulla è gran meraviglia per Dio Padre e Dio Figlio. Per il Piccolo nato mise ali la terra gioiosa e il trono celeste sorrise e l’universo esultò.  

VENERAZIONE E INCENSAZIONE DELL’ICONA

Ognuno dell’Assemblea

- si porta davanti all’Icona per un gesto di devozione, di venerazione;
- depone nel cestino il biglietto con gli impegni che desidera assumersi;
- fa una preghiera spontanea.

Canto

Recenti

XIV Domenica del Tempo Ordinar…

28 Giu 2022 Domenica Missionaria

Finestre sul mondo

28 Giu 2022 Finestra sul Mondo

La consolazione che viene da M…

27 Giu 2022 Preghiere Missionarie

Il perdono possibile e necessa…

27 Giu 2022 Missione Oggi

Mons. Elio Rama: "La missione è audace..."

Mons. Elio Rama: "La miss…

27 Giu 2022 I Nostri Missionari Dicono

Mi abbandono tra le braccia di Dio ed in quelle di Maria

Mi abbandono tra le braccia di…

27 Giu 2022 I Nostri Missionari Dicono

XIII Domenica del Tempo Ordina…

22 Giu 2022 Domenica Missionaria

Finestre sul mondo

22 Giu 2022 Finestra sul Mondo

La consolazione che viene da G…

19 Giu 2022 Preghiere Missionarie

Il carisma in movimento

Il carisma in movimento

18 Giu 2022 I Nostri Missionari Dicono