Oct 19, 2021 Last Updated 7:03 AM, Oct 19, 2021

MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Visite: 1929 volte

 

Nm 6,22-27. Invocheranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò. Si chiede la ‘’shalom’’ la pace, concetto che include anche valori come prosperità, salute, benessere.

Gal 4,4-7. Famiglia, società, tradizione, cultura e legge hanno la funzione di garantire la crescita per arrivare all’età adulta e per noi cristiani, alla statura di Cristo. (Cf. 1 Cor 3)

Lc 2, 16-21.
I pastori incontrarono Maria e Giuseppe con il bambino. Nell’incontro riconoscono il vangelo che aveva annunciato l’Angelo: è nato per voi un Salvatore. Poi racconteranno a tutti quello che ‘’avevano visto e udito’’.

 

Celebriamo l’ottava di Natale e siamo invitati a guardare Maria come madre e madre di Gesù.

Dice il Vangelo che agli otto giorni Gesù con il rito della circoncisione è inserito in una comunità umana, quella del popolo di Israele. Gesù carica un segno di appartenenza. È tradizione che il primo gennaio si celebri la giornata mondiale della pace. Nella società civile l’anno nuovo è la celebrazione più importante e grande come estensione; tutti si sentono obbligati di partecipare in qualche cosa che dimostri di cominciare un tempo nuovo. L’usanza è di celebrare in famiglia o dove si è disposti ad essere amici. Anche per la Chiesa diventa un impegno all’essere famiglia e a formare un assieme totale. La pace è dono messianico per eccellenza che Gesù risuscitato diede agli apostoli e che ripetiamo come dono reciproco prima della comunione perché ne è segno espressivo.

La pace è un dono che richiede reciprocità. Sarebbe opportuno riflettere con quali segni oggi manifestiamo l’ appartenenza alla Chiesa; che segni manifestano la nostra fede nel Dio che salva. San Paolo parlava di un segno incancellabile posto nel cuore. Per funzionare con lo Spirito di Natale, fatto di pace e di utopia, guardiamo Maria, la Madre di Dio. Dice il Vangelo che Maria ‘’conservava tutte queste cose, meditandole nel suo cuore’’. Anche noi, nel giorno della ottava di Natale, dobbiamo meditare e far nostro questo spirito senza precipitarci a rifiutare ma soprattutto per migliorare la nostra visione della realtà. Così sarà proprio un anno nuovo non solo di nome, ma di atteggiamento e pratica, pieno di pace e magnanimità nella vita sociale. Un augurio è che tutti riusciamo a migliorare le nostre relazioni familiari, sociali, politiche e ecclesiali,. Quello che mi colpisce di più è un senso di esasperazione che circola dovunque. Qualsiasi cosa crea insofferenza, divisioni e fronti contrapposti di persone e gruppi. E si cade facilmente in un clima di insulti e minacce, di squalifica degli avversari e dei ‘’differenti’’, di interpretazione superficiale e accelerata, di dichiarazioni degli uni e degli altri senza confronto, diffondendo perfino mezze verità o mezze bugie.

 

L’impegno sarà di cercare la convivenza e non l’intransigenza, la riconciliazione e non l’aggressività, subito, per principio. Possiamo essere critici degli altri se accettiamo anche di criticarci noi stessi quando sia necessario. E dovremmo preoccuparci di dare l’esempio, mettendo in partecipazione quello che ci unisce assieme a quello che ci fa distinti.

 


Recenti

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Dalla casa alla missione... in…

11 Ott 2021 Missione Oggi