Oct 20, 2021 Last Updated 1:03 PM, Oct 19, 2021

XIII Domenica - T. O. - Anno C

Pubblicato in Domenica Missionaria
Letto 687 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Letture:
1Re. 19,16,19-21;  
Sal. 15;
Gal. 5,1,13-18;
Lc. 9,51-62 - In viaggio verso Gerusalemme.

Comunione:
Anima mia benedici il Signore:
tutto il mio essere benedica il suo santo nome.

Comincia la seconda parte del Vangelo di S. Luca: il viaggio di Gesù verso Gerusalemme, dove compirà il suo sacrificio di salvezza.

"Mentre andavano per la strada". Gesù e i discepoli sono un'immagine viva della Chiesa di tutti i tempi, impegnata nel "santo viaggio" verso la "nuova Gerusalemme", essa gode della presenza e della compagnia del Signore risorto. Gesù vuole legare a sé i membri della Chiesa in un rapporto esistenziale sempre più profondo. Ecco il senso delle tre scene che si susseguono, che presentano doppio impegno: seguire Cristo e annunciare il Vangelo.

1. Nella prima scena l'iniziativa parte dall'uomo: un tale propone la sua candidatura a discepolo. Gesù non lo approva, al contrario, sembra scoraggiarlo. Lo invita a calcolare i rischi dell'impresa. È come se gli dicesse: Pensaci bene! Io sono un "senza fissa dimora", meno sicuro delle volpi e degli uccelli; non so nemmeno dove dormirò di notte. Però...avrai me. Quale tesoro più grande?

2. Seconda scena: l'iniziativa parte da Gesù, che chiama uno a diventare suo discepolo. Il chiamato manifesta la sua disponibilità, ma per il momento ha l'obbligo grave di assistere il vecchio padre e infine di dargli una onorata sepoltura. Glielo impone un comandamento del Decalogo: "Onora tuo padre e tua madre". La risposta di Gesù è dura e sorprendente: "Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu va' e annunzia il Regno di Dio".

I doveri più sacri verso i genitori vengono meno quando si tratta di seguire Gesù. Il rapporto con Lui vale più di ogni altro legame. Il Regno è una novità assoluta. Chi lo ha incontrato sa che "i morti risorgono". Il discepolo deve andare a gridare a tutti che i morti risorgono.

3. Nella terza scena uno si candida a discepolo, ma con una disponibilità condizionata: "Ti seguirò, Signore, ma prima lascia che io mi congedi da quelli di casa". Eliseo, chiamato da Elia ( I lettura), ottiene di andare a salutare i suoi e di organizzare una festa. Gesù è molto più esigente: una volta preso l'impegno con Lui (una volta "messa mano all'aratro"), non si deve più guardare indietro rimpiangendo di sé una volta fatto. L'adesione a Gesù deve essere senza ripensamenti nostalgici, ma vissuta in una fedeltà totale.

* Con un linguaggio volutamente paradossale e provocatorio Gesù desidera comunicarci una certezza: per il suo discepolo non c'è nessuna persona o cosa che valga quanto il Maestro.

Egli è l'unico valore che conta nella vita. Gesù non si accontenta di occupare un angolino, ma vuole l'intero spazio della mia esistenza. Non posso dare la mia vita a Cristo "in prova" e neanche col "contagocce". E neanche per un tempo.

Nel buddismo non è la persona di Budda che conta, ma la dottrina da lui insegnata. Nell'Islam non è la persona di Maometto che conta, ma il Corano. Nel cristianesimo invece è la persona di Gesù che conta e tutto ruota attorno a Lui. Senza di Lui il cristianesimo perde ogni senso e si dissolve nel nulla. Il Vangelo, prima di essere una dottrina, è una Persona, Gesù. Non si può essere veri cristiani senza un rapporto personale con Gesù.

* Questo Gesù è vivo nei Sacramenti tutti, ma specialmente nell’Eucaristia, sacrificio e comunione. Qui mi metto con Lui per offrirmi al Padre, qui ricevo Lui come mio cibo e forza.

* Se ci tengo a essere cristiano, devo chiedermi che rapporto personale ho con Gesù. Non basta osservare il Vangelo (questo è buono), ma ci vuole il rapporto personale con Gesù. Gesù continua a chiedermi: "C'è qualcosa o qualcuno che viene prima di me nella tua vita? Mi ami più di tutti, più di tutto?" Perché non rispondergli: "Sei tu, Signore, l'unico mio bene! Al centro del mio cuore ci sei solo Tu!"?

* Gesù è presente nella Chiesa, nonostante le mancanze e i peccati dei singoli. La Chiesa è e rimane Sacramento di salvezza, dove si incontra la Persona di Cristo.

Altro in questa categoria: XIV Domenica - T. O. - Anno C »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Finestre sul mondo

19 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie