Oct 19, 2021 Last Updated 7:03 AM, Oct 19, 2021

Argentina. Inaugurata la parrocchia dedicata al “Cura Brochero”

Letto 271 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

In un giorno storico per la diocesi di Merlo-Moreno e per i Missionari della Consolata, fu eretta la nuova parrocchia, composta da cinque centri: Nostra Signora di Guadalupe, Maria Ausiliatrice, Nostra Signora Consolata, San Giovanni Paolo II e San Edoardo.

In una celebrazione presieduta da Mons. Fernando Carlos Maletti, vescovo della diocesi di Merlo-Moreno, la quasi-parrocchia dedicata al Santo Cura Brochero è stata elevata al rango di parrocchia, insieme alla nomina di Padre Marcelo De Losa, Missionario della Consolata, come suo primo parroco.

La nuova parrocchia, situata nella provincia di Buenos Aires e nella periferia occidentale della provincia di Buenos Aires, era stata smembrata nel 2016 dal territorio di altre parrocchie, istituita come nuova unità pastorale e titolata al Santo Cura Brochero. 

Nel 2022, la nuova parrocchia ospiterà una Comunità Apostolica Formativa - CAF dei Missionari della Consolata, per accogliere giovani missionari professi negli studi teologici, che saranno anche inseriti e accompagnati nell'opzione missionaria in una realtà di periferia esistenziale, nel contesto della pastorale urbana.

Il Santo Cura Brochero

San José Gabriel del Rosario Brochero è stato un sacerdote dell'arcidiocesi di Córdoba, in Argentina. Era conosciuto più semplicemente come “cura (prete) Brochero". 

Nato a Santa Rosa de Rio Primero (Córdoba, Argentina) il 16 marzo 1840, all'età di 16 anni, dopo un periodo di discernimento vocazionale, decise di entrare nel Seminario di "Nuestra Señora de Loreto" e il  Il 4 novembre 1866 fu ordinato sacerdote.

Quando è stato nominato parroco della città di San Alberto, ha contribuito a migliorare la vita dei suoi parrocchiani in tutti i settori, prestando particolare attenzione alla dimensione spirituale. Era chiamato il "prete gaucho" perché, come i famosi cavalieri argentini, percorreva molti chilometri a dorso di mulo per incontrare tutti. Condivise la condizione dei suoi fedeli fino a quando non contrasse la lebbra bevendo yerba mate con alcuni malati.

Quando tornò nella sua città natale, i suoi ex parrocchiani gli chiesero di tornare nella sua parrocchia e lì morì il 26 gennaio 1914. Giovanni Paolo II lo dichiarò venerabile nel 2004 e fu beatificato il 14 settembre 2013 sotto il pontificato di Papa Francesco. È stato canonizzato il 16 ottobre 2016 insieme ad altri sei beati.

Nell'anno 2021, i Missionari e le Suore della Consolata lo hanno come loro patrono speciale.

* Julio Caldeira IMC, è coordinatore del team di comunicazione di www.consolataamerica.org. Questa notizia è stata elaborata con informazioni dei Missionari della Consolata in Argentina.

Lo stesso articolo in spagnolo e con altre foto QUI

Altro in questa categoria: Missione a Manaus »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Dalla casa alla missione... in…

11 Ott 2021 Missione Oggi