Jan 18, 2020 Last Updated 8:58 AM, Jan 16, 2020

Pastoral work as assistant Parish Priest at Eunhaengdong Parish (EN-IT)

Visit to the Major Seminary of Incheon Diocese with youth, altar boys and faithful on the Vocation´s Sunday Visit to the Major Seminary of Incheon Diocese with youth, altar boys and faithful on the Vocation´s Sunday
Letto 685 volte
Vota questo articolo
(5 Voti)

Preliminary Considerations

Isaiah 66:19: “They will proclaim my glory to the nations”

The number 79 of “The Acts of the Conference of the Region of Asia”, Section IV: “Our” Asia, in the Article I SOUTH KOREA, states that among: “The missionary options of our community in Korea” there is “The collaboration with the local Church”

It is, therefore, on this basis that the Parish pastoral experience appears to be more than necessary in this particular period, as one of the most adequate means, particularly for our group in Korea as we struggle to find pastoral activities, to fulfill our mission in Asia. This Report is a summary of my two-year experience in Eunhaengdong Seongdang (Parish).

Fr. Stephano with the Parish Volunteers

Fr. Stephano with the Parish Volunteers 

With Fr. Luca in the day of First Holy Communions in the Parish

With Fr. Luca in the day of First Holy Communions in the Parish

Pastoral, cultural, human and missionary activities

Upon finishing the language experience, at least at the school level, I needed to enter into a deep personal contact both with the Korean culture, and learn some things about the Korean Church, that I admired from afar. Expressing this desire to the regional superior, he immediately lauded the idea and talked with the bishop of the Incheon Diocese, Msg. John Baptist. The bishop agreed to the request and so he appointed me to Eunhaengdong as the assistant Parish Priest for a year. This is where for two years I have been enjoying the beauty of living the diversified Catholic Church and the beauty of the Korean people, in regard to food, culture, language, places, people, etc... The number of things that I have learnt is just amazing. With my difficulty in communicating, I learnt that people are patient and they are ready to listen in spite of my struggles. This aspect encourages me to continue learning more and more. After a two-year experience, even the language struggle becomes lighter as I feel more confident, more comfortable in understanding and speaking, more secure in celebrating Mass, etc.

Washing dishes…

Washing dishes…

Making Kimchin (Korean delicacy of fermented greens) at the Parish

Making Kimchin (Korean delicacy of fermented greens) at the Parish

Being in a Parish setting, there were several activities that I was involved in, together with the Parish Priest, such as daily Mass (with homily), confessions, visit to the sick, taking Holy Communion to the sick, officiating various blessings (car, office, water, sacramental, homes, etc), everyday Legio Mariae blessings, monthly adoration, attending high school students and teachers’ meetings, administering the sacrament of Anointing, attending the vocation Sunday Masses in the seminary (twice), and family visits.

Celebrating the Mass…

Celebrating the Mass…

Visiting the sick…

Visiting the sick…

With a group of men committed to the Parish work.

With a group of men committed to the Parish work.

 

With a women’s group of Legio Mariae

With a women’s group of Legio Mariae

Moreover, being in charge of both altar servers, Sunday school children, high school student and the Youth for two years, I participated in all their yearly programs such as weekly Masses, yearly formation program, Camps, outings, retreats, games, seminars, etc. All this has helped me to know the structure, the organization and the ways in which the Korean Church operates. At the same time, it has contributed to widen my knowledge and understanding of the Korean culture, and people. This entire encounter with various groups helped me to become humble and made me learn and appreciate the Korean Culture.

Visits and outings with different groups helped me to know and understand the culture and the way people live. This is a very nice experience that every missionary in Korea should have. I believe this is a good starting point that will make my missionary experience in Korea be a lovely one for many years.

With the youth at a Summer Camp 1

With the youth at a Summer Camp 1

With the youth at a Summer Camp 2

With the youth at a Summer Camp 2

Furthermore, with the Parish priest and other diocesan priests I had a very positive experience. From the start, with a group of 9/10 priests, our district held monthly meetings, during which matters of the local, diocesan and Universal Church were discussed, but we also evaluated our Pastoral activities in the district. The first year was a challenging experience for me because of the insufficiency of the language but, even here, I could feel how my brother priests (elders) were patient with me. Always in this regard, I participated in two annual retreats organized by the diocese for priests in the major seminary. It was a time to learn, observe and make a good insertion. Also, here I felt loved and considered: not saying anything, but just being there.

Collaboration with the Local clergy: Prayer group and monthly meetings

Collaboration with the Local clergy: Prayer group and monthly meetings

Involvement of the Consolata Missionaries

There was an important positive involvement of the Consolata missionaries in animating the Parish during my two year stay in the Eunhaengdong parish. First of all, after our Asian Conference, all the confreres, including the General government, made a visit to the Parish (we had dinner and Mass). Besides this, some confreres have been invited for different activities in order to animate the Christians. Fr. Tamrat: visits, Masses, Confessions; Fr. Han Pedro: Masses, Conferences with youth; Fr. Lorenzo: Masses; and Fr. Moonjong Joseph Kim: Masses and the sharing of his missionary experience in Colombia and Missionary formation and animation of the Christian community on Mission Sunday 2018.

Consolata General Government visit to the Parish 1

Consolata General Government visit to the Parish 1

Consolata General Government visit to the Parish 2

Consolata General Government visit to the Parish 2

Positive impact of the Parish experience on our mission

Following this two-year experience in the Parish, there is a significant positive outcome both at individual level as well as from the point of view of missionary perspective.

At the individual level I must confess that the amount of things learnt and the experience gained, as I have already mentioned above, are just amazing. No doubt, this is the best way for cultural and missionary insertion.

At our Asian (especially Korea group) level, apart from being a source of some income, there is the fact that many people come to know more about our Congregation, and so attend our monthly missionary animation Mass’ celebrations and annual retreats program, and obviously support our mission.

Youth recollection at our House in Yeokkok: Animated by Fr. Tamrat

Youth recollection at our House in Yeokkok: Animated by Fr. Tamrat

Another more significant element is the close rapport created between us and the Parish Priest (in this case the Parish Priest went with Consolata missionaries to a missionary visit to Colombia), who allows us to animate Christians on missions in his Parish. A parish is an appropriate set up where we can encounter people and pass on the message of Christ, not only by means of words but by our way of being missionaries. For instance, the Parish council, the cook, and the secretary could not understand why I don’t receive money at the end of the month and allow it to go to the community Account.

Another small example is offering small services and doing them together with Christians. This involves works such as washing dishes, participating in washing the Church every Saturday with Christians, etc. I believe that this can be a good way to concretely proclaim the gospel.

Future perspective?

This year we are celebrating 30 years since the Consolata Missionaries came to South Korea. I am proud to be part of this history. I dream of a missionary activity that is centered on collaboration with the local Church. In fact, having stayed two years as assistant Parish Priest, I have come to discover that it is important to engage in this activity as one of our priorities as we have stated it clearly in “The Acts of the Conference of the Region of Asia.”

Collaboration with the local Church, the local clergy, by learning deeply how things are done and how society is moving, is one of the crucial things recommended by Blessed Joseph Allamano to all his missionaries. This also helps us to encounter the heart of Korean people and society, old people as well as young and children.

Particularly in the Incheon Diocese, the Bishop seems to be quite willing to accept missionaries who can offer the above mentioned services to Parishes. I suggest that we grasp this opportunity to involve ourselves and avoid idleness.

May God who sent me to his mission help me grow and continue serving him with zeal and passion. May Our Lady Consolata and Blessed Joseph Allamano intercede for me.

Lavoro pastorale come assistente parroco alla Parrocchia di Eunhaengdong

Foto copertina: Visita al Seminario Maggiore della Diocesi di Incheon con la gioventù, chierichetti e fedeli nella Domenica delle Vocazioni.

 

Isaia 66,19: “Essi annunzieranno la mia gloria alle nazioni”

Considerazioni preliminari

Il numero 79 degli “Atti della Conferenza della Regione Asia”, Sezione IV: La “Nostra” Asia, nell’Articolo I COREA DEL SUD afferma che tra “Le opzioni missionarie della nostra comunità in Corea”, c’è anche “La collaborazione con la Chiesa locale”.

E’ pertanto su questa base che l’esperienza pastorale parrocchiale sembra essere più che necessaria in questo periodo particolare, come uno dei mezzi più adeguati, particolarmente per il nostro Gruppo in Corea, mentre ci sforziamo di trovare attività pastorali per compiere la nostra missione in Asia.

Questo resoconto è un riassunto della mia esperienza pastorale di due anni nella Parrocchia di Eunhaengdong.

P. Stephano con volontari della Parrocchia

P. Stephano con volontari della Parrocchia

Insieme a don Luca, parroco, nel giorno delle Prime Comunioni in Parrocchia

Insieme a don Luca, parroco, nel giorno delle Prime Comunioni in Parrocchia

Attività pastorali, culturali, umane e missionarie

Dopo aver finito l’esperienza della lingua, almeno a livello scolastico, avevo bisogno di entrare in un profondo contatto personale sia con la cultura coreana così come imparare alcune cose circa la Chiesa Coreana, che io ammiravo anche se un po’ da lontano. Quando informai il superiore regionale di questo mio desiderio, egli immediatamente lodò l’idea e parlò con il vescovo John Baptist della diocesi di Incheon. Il vescovo accettò la richiesta e mi destinò come assistente parroco per un anno alla parrocchia di Eunhaengdong Seongdang. Qui è dove per due anni ho goduto la bellezza di vivere una Chiesa Cattolica diversificata e la bellezza del popolo coreano per quel che riguarda il cibo, la cultura, la lingua, i posti, il popolo, ecc. Il numero di cose che ho imparato è semplicemente sorprendente. Anche con la mia difficoltà di comunicazione, ho imparato che le persone sono pazienti e pronte ad ascoltare, nonostante la mia difficoltà. Questo mi incoraggia a continuare ad imparare sempre di più. Dopo due anni di esperienza, anche la difficoltà della lingua diventa meno pesante, e sento maggior confidenza e più a mio agio nel capire e parlare, e più sicuro anche nel celebrare la Messa, ecc.

Al lavaggio dei piatti…

Al lavaggio dei piatti…

Lavorando il Kimchin (cibo coreano di cavoli fermentati) nella Parrocchia

Lavorando il Kimchin (cibo coreano di cavoli fermentati) nella Parrocchia

Vivendo in un ambiente di parrocchia, fui coinvolto in varie attività, assieme al Parroco, come Messe di ogni giorno (con l’omelia), Confessioni, visite ai malati, portare Comunione agli ammalati, celebrare varie benedizioni (macchine, uffici, acqua, case, ecc.), benedizioni quotidiane della Legio Mariae, adorazioni mensili, partecipare agli incontri di studenti e insegnanti della scuola secondaria, amministrare il sacramento dell’Unzione degli infermi, partecipare alle Messe per la Domenica delle vocazioni nel seminario (due volte), e visite alle famiglie.

Celebrando la Messa…

Celebrando la Messa…

Visitando i malati…

Visitando i malati…

Con un gruppo di uomini impegnati in Parrocchia.

Con un gruppo di uomini impegnati in Parrocchia.

Con un gruppo di donne della Legio Mariae

Con un gruppo di donne della Legio Mariae

Inoltre, essendo incaricato di curare i chierichetti, i bambini della “Sunday school”, gli studenti della scuola secondaria e la Gioventù per due anni, ho preso parte in tutti i loro programmi annuali, come le Messe settimanali, gli annuali programmi di formazione, i Campeggi, le gite, i ritiri, i giochi, i “seminars”, ecc. Tutto ciò mi ha aiutato a conoscere la struttura, l’organizzazione, ed i vari modi di lavorare della Chiesa Coreana. Allo stesso tempo ha contribuito ad allargare la mia conoscenza e comprensione della cultura e del popolo coreano. Tutto questo insieme di incontri con vari gruppi mi ha aiutato a diventare umile e a farmi imparare ed apprezzare la Cultura Coreana.

Visite e gite assieme a vari gruppi mi hanno aiutato a conoscere e capire la cultura e il modo di vivere della gente. Questa è una bellissima esperienza che ogni missionario in Corea dovrebbe fare. Penso che questo è un buon inizio che renderà la mia esperienza missionaria in Corea piacevole per molti anni.

Con i giovani durante un campo estivo 1

Con i giovani durante un campo estivo 1

Con i giovani durante un campo estivo 2

Con i giovani durante un campo estivo 2

Inoltre, ho avuto un’esperienza molto positiva con il Parroco e altri preti diocesani. Fin dall’inizio nella nostra circoscrizione, che comprendeva un gruppo di 9/10 preti, si tenevano incontri mensili, durante i quali si discutevano argomenti riguardanti la Chiesa locale, diocesana ed Universale, ma anche valutavamo le nostre attività pastorali nella circoscrizione. Il primo anno fu una vera sfida per me, perché non conoscevo abbastanza la lingua ma, anche in questo caso, potevo vedere come i miei confratelli preti (più anziani) erano pazienti con me. Sempre in questo contesto, ho preso parte in due ritiri annuali organizzati dalla diocesi per preti, nel seminario maggiore. È stato un tempo per imparare, osservare ed inserirsi nel contesto. Anche qui mi sono sentito amato e considerato: non dicendo nulla, ma semplicemente essendo presente.

Collaborazione con il Clero locale: Gruppo di preghiera mensile

Collaborazione con il Clero locale: Gruppo di preghiera mensile

Coinvolgimento dei missionari della consolata

Ci fu un importante e positivo coinvolgimento dei missionari della Consolata nell’animare la Parrocchia durante i miei due anni di permanenza a Eunhaengdong. Prima di tutto, dopo la Conferenza Regionale dell’Asia, tutti i nostri confratelli, inclusa la Direzione Generale, vennero a visitare la Parrocchia (ci fu la Messa e il pranzo). Oltre a questo, alcuni confratelli furono invitati per varie attività di animazione dei cristiani. P. Tamrat: visite, Messe e Confessioni; P. Pedro Han: Messe e conferenze ai giovani; P. Lorenzo: Messe; e P. Moon Jong Kim: Messe e condivisione della sua esperienza missionaria in Colombia e formazione ed animazione della comunità cristiana nella Giornata Missionaria del 2018.

Direzione Generale in visita alla Parrocchia 1

Direzione Generale in visita alla Parrocchia 1

Direzione Generale in visita alla Parrocchia 2

Direzione Generale in visita alla Parrocchia 2

Impatto positivo dell’esperienza parrocchiale sulla nostra missione

Come seguito ai miei due anni di esperienza, nella Parrocchia, c’è un significativo e positivo risultato, sia a livello individuale come dal punto di vista di una prospettiva missionaria.

A livello individuale devo confessare che il numero di cose imparate e l’esperienza guadagnata, come ho già detto sopra, sono semplicemente sorprendenti. Senza dubbio, questo è il miglior modo per un inserimento culturale e missionario.

A livello di Regione Asia (specialmente del gruppo Corea), oltre che ad essere una sorgente di qualche entrata, c’è il fatto che molte persone vengono a conoscere meglio la nostra Congregazione e, come conseguenza, partecipano alle celebrazioni delle nostre Messe mensili di animazione missionaria, al nostro programma di ritiri annuali e, ovviamente, sostengono la nostra missione.

Ritiro per giovani alla nostra casa di Yeokkok: Animato da P. Tamrat

Ritiro per giovani alla nostra casa di Yeokkok: Animato da P. Tamrat

Un altro elemento ancora più significativo è la relazione di vicinanza che si crea tra noi e il Parroco (nel mio caso il Parroco andò assieme ai missionari della Consolata ad una visita missionaria in Colombia) che ci permette di animare i cristiani della sua Parrocchia riguardo alle missioni. La parrocchia è la situazione ideale dove possiamo incontrare la gente e trasmettere il messaggio di Cristo, non solo con la parola ma col nostro modo di essere missionari. Per esempio, i membri del Consiglio Pastorale, la cuoca e la segretaria non potevano capire perché alla fine del mese io non ricevevo soldi e permettevo che andassero al Conto della comunità.

Un altro piccolo esempio consisteva nell’offrire piccoli servizi e compierli assieme ai cristiani. Questo comprendeva lavori come lavare i piatti, partecipare nel lavare la chiesa ogni sabato assieme ai cristiani, ecc. Credo che questo sia in buon modo di proclamare il Vangelo concretamente.

Prospettive future?

Quest’anno celebriamo il trentesimo anniversario della venuta dei Missionari della Consolata nella Corea del Sud. Sono orgoglioso di essere parte di questa storia. Sogno un’attività missionaria centrata nella collaborazione con la Chiesa locale. Infatti, essendo stato due anni come assistente Parroco, ho potuto scoprire che è importante coinvolgersi in questa attività come una delle nostre priorità, come abbiamo affermato chiaramente negli “Atti della Conferenza della Regione Asia”

Collaborazione con la Chiesa locale e il clero locale, imparando come le cose si fanno e come la società si sta movendo, è una delle cose cruciali raccomandate dal Beato Giuseppe Allamano a tutti i suoi missionari. Questo ci aiuta anche a comprendere il cuore della gente e della società coreana, vecchi, giovani e anche bambini.

Particolarmente nella Diocesi di Incheon, il Vescovo sembra molto ben disposto ad accettare missionari che possono offrire i sopraddetti servizi alle Parrocchie. Io suggerirei di afferrare questa opportunità di coinvolgimento evitando così l’inattività.

Dio, che mi ha mandato a questa missione, mi aiuti a crescere e continuare a servirlo con zelo e passione. La nostra Madonna Consolata e il Beato Giuseppe Allamano intercedano per me.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Recenti

Rapporto Open Doors 2020: nel mondo un cristiano su otto è discriminato

Rapporto Open Doors 2020: nel …

16 Gen 2020 Finestra sul Mondo

Svolta del Papa, nomina la prima donna sottosegretario nella Segreteria di Stato

Svolta del Papa, nomina la pri…

16 Gen 2020 Finestra sul Mondo

Il Papa alle mamme dei neonati: “Lasciateli piangere in chiesa, è una bella predica. Se hanno fame, allattateli”

Il Papa alle mamme dei neonati…

13 Gen 2020 Finestra sul Mondo

Oxfam: nello Yemen la più grave crisi umanitaria al mondo

Oxfam: nello Yemen la più gra…

13 Gen 2020 Finestra sul Mondo

Cardinale Filoni: "L'opera di formazione di Propaganda Fide è essenziale per le giovani Chiese"

Cardinale Filoni: "L'oper…

13 Gen 2020 Missione Oggi

Cercare l’unità: un impegno per tutto l’anno

Cercare l’unità: un impegno…

13 Gen 2020 Preghiere Missionarie

II Domenica - T. O. - Anno A

II Domenica - T. O. - Anno A

13 Gen 2020 Domenica Missionaria

MONGOLIA: Christ born amidst stinging cold!

MONGOLIA: Christ born amidst s…

10 Gen 2020 I Nostri Missionari Dicono

Peut-on tolérer des propos xénophobes, racistes dans nos communautés religieuses?

Peut-on tolérer des propos x…

10 Gen 2020 I Nostri Missionari Dicono

Papa Francesco a Corpo diplomatico. “Evitare un innalzamento dello scontro” tra Usa e Iran. Preoccupazione “per inasprimento tensioni” nel mondo

Papa Francesco a Corpo diploma…

09 Gen 2020 Finestra sul Mondo