Oct 19, 2021 Last Updated 7:03 AM, Oct 19, 2021

Africa - Assemblea continentale (Documento Finale)

Categoria: Missione Oggi
Visite: 2516 volte

Assemblea Continentale IMC Africa   
Sagana (Kenya)   
05 – 10 gennaio 2006   

EVANGELIZZAZIONE
La Chiesa come famiglia di Dio, idea anche spinta dal Sinodo Africano celebrato nel 1994, ci sembra un modello da non tralasciare nelle nostre riflessioni a tutti i livelli in cui operiamo, comunitario, di circoscrizione e continentale. A questo proposito si incoraggi una riflessione filosofico-teologica che compari la relazione esistente tra lo spirito di famiglia proprio dell’Africa e lo spirito di famiglia proprio dell’Istituto.

Non dimentichiamo che grande è la percentuale dei giovani nel nostro continente, per questo non possiamo non guardare a questo campo con grande interesse e ad esso orientare le nostre scelte.
L’inculturazione, dibattuta anche nel Sinodo, rimane una nostra priorità, sia come sforzo di inculturare il Vangelo, sia come sforzo di inserimento nella cultura in cui operiamo.
Esortati, infine, dal cammino proposto dal Papa Benedetto XVI, cerchiamo strade per metterci al servizio del popolo di Dio insieme alle altre Chiese cristiane per giungere a quella comunione per cui Gesù ha pregato.

Proposte

1. Pastorale giovanile
a. Ci sia uno scambio di materiale tra coloro che sono incaricati o operano nel settore della pastorale giovanile.
b. Creare un movimento giovanile di Giovani Missionari della Consolata.
c. Pensiamo ad un Convegno Giovanile a livello continentale previa preparazione dei giovani a livello di circoscrizione.

2. Comunità Apostolica
a. Secondo le scelte dell’XI Capitolo Generale ribadiamo che tutte le nostre comunità siano composte da almeno tre membri.
b. “Vi riconosceranno che siete miei discepoli da come vi amate”. Sia questo un tema di riflessione in tutte le nostre comunità e circoscrizioni.
c. Tutte le circoscrizioni programmino un periodo di tempo sufficiente per i nuovi destinati non solo per apprendere la lingua del posto, ma anche per conoscere la cultura. Inoltre i nuovi arrivati, soprattutto se giovani, siano accolti in contesti comunitari che facilitino il loro inserimento e nel campo di lavoro e nella vita comunitaria IMC.
d. Qualora non ci fosse la possibilità nella circoscrizione, indichiamo i seguenti luoghi per lo studio delle lingue: Kinshasa – francese; Nairobi – inglese; Maputo – portoghese; Morogoro – kiswahili.

3. HIV/AIDS
a. Questo tema deve entrare a far parte della pastorale ordinaria nelle parrocchie, ma anche nella pastorale giovanile e in quella familiare.
b. Adottiamo la formula della Home Based Care nella nostra pastorale.
c. Ogni Circoscrizione abbia un incaricato per la prevenzione dell’HIV/AIDS. Questo può facilitare un eventuale scambio di materiale, quali sussidi, riviste, programmi, …

4. Formazione dei Leaders
a. A livello continentale proponiamo la partecipazione ai corsi di GABA e LUMKO, espressioni della Chiesa africana, per la preparazione dei leaders.
b. I centri che operano in questo settore si scambino il materiale.

5. Urbanizzazione
a. Nel sessennio si organizzi un seminario a livello di circoscrizione per i parroci o coloro che operano nelle grandi città. Intanto si faccia uno studio sulle peculiarità dell’urbanizzazione.

Riqualificazione e ridimensionamento
a. Ci sia un tempo opportuno per la preparazione ogni qualvolta che un missionario cambia ambito di lavoro.
b. Dopo un certo numero di anni (7-10) si dia al missionario l’opportunità di partecipare a un corso (p.es. LUMKO).
c. Le Conferenze delle circoscrizioni facciano una seria analisi della presenza IMC nella propria circoscrizione in modo da individuare i campi più specifici di lavoro e anche per bilanciare la nostra opera nel campo della promozione sociale e della prima evangelizzazione.


LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA
È tempo di dare uno stimolo al laicato in Africa non solo come continente che accoglie laici provenienti dall’estero, ma anche come continente pronto per l’invio di laici da esso provenienti. Questo risponde alla natura stessa della Chiesa che è missionaria (cfr. AG).

Proposte
a. Anche se la nostra priorità per ora non è lo statuto, già in fase di studio ed elaborazione a livello di Istituto, ci impegniamo nelle piccole esperienze di formazione di Laici Missionari della Consolata o nella formazione di tali gruppi lì dove ancora non esistono. Queste nostre esperienze possono essere di aiuto nella redazione dello statuto.
b. Gli animatori dell’AMV nelle varie circoscrizioni siano anche promotori di questa nuova sensibilità.
c. I nostri Centri di Animazione Missionaria si impegnino alla promozione e formazione dei LMC.
d. Fare una riflessione a livello continentale sulla importanza dei laici nella evangelizzazione a partire dalla Bibbia.


FORMAZIONE
Il continente Africa, nelle varie circoscrizioni in cui siamo presenti, offre tutte le tappe della formazione degli studenti chiamati ad essere Missionari della Consolata: Propedeutico e Filosofia (a livello di circoscrizione), Noviziato (a livello continentale) e Teologia (a livello internazionale).

Proposte
a. I formatori siano scelti preferibilmente tra i missionari di origine africana, senza dimenticare la componente internazionale nel team di formatori, poiché noi prepariamo Missionari della Consolata per la missione ad Gentes e non solo per l’Africa.
b. Cercare di formare i formatori per l’Africa in Africa, prevedendo di mandare anche altro personale che si prepari ad essere formatore.
c. Avere incontri regolari dei formatori a livello continentale per fare insieme una riflessione sul cammino IMC nel continente.
d. Ci sia un interscambio tra i formatori per corsi di esercizi, seminari, formazione in campi specifici, …
e. Le destinazioni dei filosofi al noviziato siano fatte su base continentale, dove ogni noviziato possa accogliere studenti da tutti i paesi in cui siamo presenti.
f. A partire dal Propedeutico in tutte le nostre case di formazione si facciano dei corsi sistematici per lo studio delle lingue italiano e inglese, come segno di appartenenza e di amore all’Istituto e alla missione.
g. È bene che il formatore consideri attentamente i casi particolari di studenti che presentano delle crisi in modo da non rimandare tali situazioni alle tappe successive della formazione.
h. I novizi che terminano il noviziato e vanno in vacanza ricevono 150$ di pocket money per vestiario e vacanze, viaggio escluso. Quando poi dalla sua circoscrizione di origine si reca al luogo di destinazione riceve 100$ dalla circoscrizione di origine che però manda notifica alla circoscrizione che accoglie per averne il resoconto delle spese e le ricevute, quando è possibile.
i. I Professi e Teologi facciano le vacanze in patria ogni tre anni. Per le vacanze triennali ricevono 300$ di pocket money, mentre quanti vanno per le vacanze annuali ricevono 100$.
Informazione. Chi non conoscesse la lingua inglese e dovesse recarsi a Sagana per il noviziato, il corso inizia a Ottobre e sarà accompagnato dalla Regione Kenya.


ANIMAZIONE MISSIONARIA E VOCAZIONALE
L’animazione missionaria e vocazionale è una realtà ormai costituita nelle nostre circoscrizioni e tutte (o quasi) hanno almeno una persona a tempo pieno ad essa dedicata.

Proposte
a. Ogni circoscrizione abbia un incaricato a tempo pieno per l’AMV.
b. Ogni circoscrizione abbia un Centro di Animazione Missionaria
c. In questo sessennio si facciano tre incontri continentali di AMV.
d. Il primo di tali incontri, di più lunga durata (un mese circa), sia dedicato alla formazione degli animatori o di coloro che potranno essere impiegati in questo campo.
e. In un altro incontro si faccia il progetto continentale di Animazione Missionaria, tenendo presente il progetto già redatto nell’incontro continentale fatto a Iringa nel 2004, rivisto alla luce dell’ultimo Capitolo Generale e curando in modo particolare l’accompagnamento vocazionale.
f. Il consigliere continentale e il segretariato per la missione, con l’aiuto di persone del paese ospitante, organizzano tali incontri.


GIUSTIZIA E PACE E INTEGRITÀ DEL CREATO
Il tema della GPIC sta entrando nella nostra mentalità missionaria e molte sono le iniziative pastorali rivolte a questo scopo. Tuttavia riconosciamo che dobbiamo fare ancora molto sforzo per assumerlo con più decisione ed impegno.
A livello continentale non è sempre facile individuare punti di cammino comune tra le nostre circoscrizioni considerando la diversità delle problematiche e la vastità del campo.

Proposte
a. In questo sessennio si facciano due incontri degli incaricati di GPIC delle varie circoscrizioni. Questi incontri non siano semplicemente di scambio di idee, ma di vera formazione dove si possano affrontare temi specifici (riconciliazione tra i popoli, non-violenza, economia e dipendenze dell’Africa, ESPERE, …). Il Consigliere continentale e il segretariato per la missione, insieme all’incaricato del paese ospitante (in Congo il primo incontro), organizzano gli incontri.
b. Ogni circoscrizione abbia un incaricato a tempo pieno per la GPIC, oppure, dove non sia possibile, tale incaricato sia in un posto dove più facilmente possa ottemperare a questo suo incarico.


FINANZE E AMMINISTRAZIONE
Il continente Africa dipende ancora molto dagli aiuti dall’estero per rendere possibili i progetti e le opere che portiamo avanti nelle varie Circoscrizioni. Pur essendo consapevoli delle difficoltà dobbiamo fare uno sforzo verso l’autosufficienza. Senza dimenticare che a volte è meglio sacrificare un po’ l’efficienza per poter stare più a contatto con la gente! A questo ci aiuti uno stile sobrio di vita.

Proposte
a. Nella formazione di base, soprattutto negli ultimi anni di Teologia, si introducano gli studenti, con corsi adeguati, alla contabilità e all’amministrazione.
b. Consapevoli che non sempre siamo preparati noi stessi, facciamo uso di esperti che ci aiutino nella ricerca di finanziamenti.
c. Nella ordinaria amministrazione, le nostre strutture siano rese il più autosufficienti possibile.
d. Ogni circoscrizione abbia un incaricato per la stesura dei progetti, i quali devono essere approvati dalla comunità locale e dalla Circoscrizione. Non bisogna dimenticare l’importanza di dare il resoconto dei progetti a quanti sono coinvolti nel suo finanziamento.
e. Individuare a livello continentale una persona esperta nella formulazione dei progetti che aiuti le circoscrizioni attraverso l’accompagnamento degli incaricati dei progetti e la formazione degli stessi.


DIALOGO INTERRELIGIOSO
Il tema del Dialogo Interreligioso è componente essenziale della evangelizzazione, soprattutto nei nostri giorni in cui la globalizzazione rende tutto più vicino. A questo proposito il continente africano ha fatto la scelta di Djibuti come comunità impegnata esclusivamente al dialogo con il mondo dell’Islam. Non dimentichiamo che per noi Dialogo Interreligioso significa anche confronto con le molte Religioni Tradizionali.
Sappiamo che questo cammino implica prima di tutto il dialogo con la gente, l’ascolto della cultura e l’impegno verso le reali necessità dei popoli.

Proposte
a. La comunità di Djibuti, giuridicamente ed economicamente, continua a dipendere dalla Regione Etiopia, anche se il suo servizio è rivolto ad aiutare tutto il continente africano al Dialogo Interreligioso con l’Islam.
b. Ogni circoscrizione abbia un punto di riferimento (commissione, persona incaricata, …) con cui la comunità di Djibuti possa dialogare per formulare un progetto di Dialogo Interreligioso con l’Islam.
c. Ci sia sul nostro sito web uno spazio particolare riservato al tema del Dialogo Interreligioso curato dalla comunità di Djibuti.
d. La comunità di Djibuti e l’assemblea continentale chiede alle Direzioni Generali IMC e MC che facciano nel 2006 una valutazione della presenza a Djibuti.
e. Individuare delle persone specializzate nel dialogo con l’islam e con le religioni tradizionali che possano aiutare le circoscrizione in questo campo.
f. Raccogliere e interpretare il materiale esistente sul dialogo interreligioso per essere diffuso nelle nostre realtà.
g. Tracciare una mappa lei luoghi IMC interessati dall’islam e dalle religioni tradizionali, di coloro che sono interessati al dialogo interreligioso e delle iniziative già intraprese.


FORMAZIONE PERMANENTE
Tutti i missionari devono sentire l’esigenza di una continua formazione personale: come religiosi, come Missionari della Consolata, come persone impegnate in un determinato campo di azione, …

Proposte
a. Riprendere la riflessione iniziata alcuni anni fa sulla inculturazione del carisma IMC in Africa e anche sulla vita religiosa così come è intesa in questo continente.
b. Individuare nel continente centri specializzati e comunità IMC che possano essere di aiuto per i missionari che hanno delle difficoltà (dipendenze varie).
c. Le varie circoscrizioni chiariscano a tutti i loro membri la procedura per la richiesta del periodo sabbatico.
d. L’assemblea continentale chiede alla Direzione Generale di preparare persone qualificate nei seguenti ambiti: mass media, dialogo interreligioso, psicologia e sociologia, antropologia, storia IMC, amministrazione.
e. Si organizzino a livello di circoscrizione seminari sulle diverse dipendenze.


ARGOMENTI VARI

Manleva

• Questo documento è stato richiesto dall’XI Capitolo. In ogni Circoscrizione si spieghi lo spirito di questo documento in modo che tutti i Missionari lo firmino.

Vacanze
• Secondo le indicazioni dell’XI Capitolo, si va per le vacanza in patria per tre mesi ogni tre anni. Il pocket money per i missionari che vanno per le vacanze triennali in patria sia di 600$ oppure 500€. Qualora ci fossero esigenze particolari, prima di chiedere soldi alla Circoscrizione che ospita per le vacanze, occorre avere il permesso del proprio Superiore o dell’Amministratore.

Viaggi
• I viaggi vengano sempre concordati con il superiore locale o il superiore di circoscrizione. Qualora un missionario fa un viaggio fuori circoscrizione e non concernente specifici servizi occorre avere il permesso del Superiore Generale tramite il Superiore di Circoscrizione.
• Se i nostri seminaristi o missionari, per poter ottenere documentazioni o per motivi di salute, dovessero fermarsi nella circoscrizione più a lungo del loro periodo di vacanze, la circoscrizione si preoccupi di destinarlo in una comunità IMC.
• Ci sia stretta collaborazione tra tutti i superiori interessati e il suo formatore quando un seminarista viene destinato a un centro di formazione all’estero. Questo permette di ottenere i dovuti permessi e aiutare il giovane missionario a vivere all’interno dell’Istituto, anche in questo periodo di attesa.

Pubblicazioni della Direzione Generale
• Accettiamo la proposta presentata dalla Direzione Generale di ridurre l’edizione cartacea del “Da Casa Madre” a favore di un aumento della edizione elettronica parallela a quella cartacea.
• Anche se l’edizione cartacea di Documentazioni è ridotta, ogni circoscrizione provveda a stampare per i propri confratelli quanto riceve per via elettronica.
• Si chiede alle circoscrizioni più collaborazione a livello di articoli e studi da offrire per le due pubblicazioni, “Da Casa Madre” e “Documentazioni”.

Nuova apertura in Africa
• Si è considerata la proposta del Capitolo Generale di una possibile nuova apertura in Africa, in un paese di lingua portoghese, preferibilmente la Guinea Bissau. L’assemblea continentale è più orientata all’Angola che offre possibilità più vaste in campo missionario.

Costituzioni
• Si accetta la proposta di avere una edizione ufficiale in italiano e una in inglese, mentre per le altre lingue si suggerisce una edizione più economica.

Collaborazione con le suore MC
• Nelle circoscrizioni dove sono presenti IMC e MC la visita canonica sia possibilmente programmata nello stesso periodo. Così anche altri momenti importanti quali Conferenze della Circoscrizione, ritiri annuali, …
• Poiché siamo animati dallo stesso carisma e desiderosi di comunione, vogliamo continuare il cammino intrapreso negli ultimi anni di collaborazione con le Suore MC soprattutto nei campi della GPIC, AMV, Dialogo Interreligioso, …

Segretariato Continentale

• Non vediamo la necessità in questo momento di avere un coordinatore o segretariato continentale. L’assemblea continentale propone che il consigliere continentale veda la reale necessità nel futuro di avere una tale figura.

Recenti

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

19 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. Il mister…

18 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Visita Canonica nella zona del Meru

Visita Canonica nella zona del…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Il Vescovo Ponce de León: "La via per uscire dalla crisi è un dialogo nazionale realmente inclusivo"

Il Vescovo Ponce de León: …

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Mons. Giovanni Crippa nuovo vescovo di Ilheús

Mons. Giovanni Crippa nuovo ve…

18 Ott 2021 I Nostri Missionari Dicono

Indigeni migranti a Boa Vista …

18 Ott 2021 Missione Oggi

Finestre sul mondo

12 Ott 2021 Finestra sul Mondo

XXIX Domenica del Tempo Ordina…

12 Ott 2021 Domenica Missionaria

Ottobre missionario. I frutti …

11 Ott 2021 Preghiere Missionarie

Dalla casa alla missione... in…

11 Ott 2021 Missione Oggi