Stampa questa pagina

Finestre sull'America

Pubblicato in Finestra sul Mondo
Letto 131 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

FMAmerica02

COLOMBIA: oltre cento gli attivisti assassinati

www.avvenire.it

Da gennaio, ne è stato ucciso uno ogni 48 ore. E il massacro accelera. I principali responsabili sono i nuovi paramilitari che hanno colmato il vuoto lasciato dalla guerriglia

Continuare a leggere...

AMAZZONIA. Lotta contro il mercurio

www.vaticannews.va

Negli ultimi decenni, l’Amazzonia ha subito forti pressioni per l’eccessiva estrazione delle sue risorse naturali, registrando gravi tassi di deforestazione e conflitti sociali. Uno dei più conosciuti è quello di Madre de Dios, considerata “la capitale della biodiversità del Perù”. In queto territorio una scienzata, Claudia Vega, studia l'estrazione mineraria dell'oro su piccola scala che con l’utilizzo del mercurio, un metallo tossico.

Continuare a leggere...

02FMperu hkdhslkdald

Foto presidencia de la república

PERÙ. Discorso di Pedro Castillo, neoeletto presidente del Perù.

Centro amazzonico di Antropologia applicata

"Comincio salutando i miei fratelli, discendenti dei popoli originari, i miei fratelli maestri, i miei fratelli quechua, aymara, awajún, Shipibo, Konibo, afroperuviani. Mi rivolgo a voi nel 200° anniversario dell'indipendenza del Perù". Con queste parole il presidente Pedro Castillo ha iniziato il suo discorso per il Bicentenario del paese, dopo aver ricevuto la fascia presidenziale dal capo del Congresso, María del Carmen Alva.

Nel suo messaggio presidenziale, il neoeletto presidente ha menzionato il 'Rubber Boom', un periodo in cui, alla fine del XIX secolo, molti popoli amazzonici furono massacrati e dovettero isolarsi per proteggersi ed evitare l'avanzata dei coltivatori di gomma, che "imposero regimi di schiavitù e violenza, che furono ampiamente registrati nel famoso rapporto inglese chiamato il Libro Blu".

Per quanto riguarda la perdita delle foreste amazzoniche, il presidente ha proposto una nuova legge di pianificazione territoriale, economica e ambientale, così come l'eliminazione degli ostacoli che impediscono il pagamento di multe per delitti di tipo ambientale. "L'Amazzonia è la principale eredità che lasceremo alle prossime generazioni e noi adempiremo alle nostre responsabilità verso questa parte del mondo. Questo è il mio impegno".

Poi il presidente ha continuato dicendo che saranno creati strumenti strategici per la gestione moderna delle risorse e quindi affrontare le sfide ambientali: Sarà varato un piano di azione per la difesa della biodiversità; un piano d'attuazione della Convenzione di Stoccolma sul controllo di metalli pesanti, i metalloidi e sostanze chimiche tossiche.

Ha anche sottolineato che il Ministero dell'Ambiente dovrebbe porre fine al "degrado ambientale, alla deforestazione delle nostre foreste, alla vulnerabilità al cambiamento climatico", così come garantire standard di qualità ambientale, una estrazione mineraria sostenibile e la transizione verso un'economia socialmente inclusiva e a basse emissioni di carbonio".

A questo proposito, ha espresso il suo sostegno all'idea che il Perù diventi un paese neutrale al carbonio entro il 2050. "A tal fine, dobbiamo fare seri progressi nell'adempimento dell'impegno di ridurre le emissioni di gas serra dal 30% al 40% rispetto alle proiezioni per il 2030. Il nostro governo afferma il suo impegno nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici", ha detto Castillo.

Pedro Castillo ha proposto di cambiare il nome del Ministero della Cultura in Ministero delle Culture, e di riconoscere la diversità culturale nella formulazione delle politiche pubbliche. "In un paese diversificato come il nostro, abbiamo bisogno di un ministero che riconosca le diverse culture in vigore e attui politiche in cui gli stessi popoli nativi partecipino alla loro elaborazione ed esecuzione", ha spiegato.

Ha anche detto che è importante dare un volto interculturale allo stato peruviano in modo che quando si prendono le decisioni più rilevanti, si considerino le voci dei popoli e delle comunità indigene e degli afroperuviani. Ha anche sollevato la questione della trasformazione linguistica dello Stato, e ha messo sul tavolo la necessità di riconoscere le comunità indigene affinché siano considerate nell'ambito della Convenzione 169 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Articolo originale in spagnolo

 

Devi effettuare il login per inviare commenti