admin

16 SL1 vedove tanzaniane

Centinaia di vedove si sono date appuntamento a Dodoma (Tanzania) per chiedere maggiori diritti. Secondo molte culture tradizionali dell’Africa orientale, una vedova non è in grado di ereditare le proprietà del marito defunto. In altre, le vedove sono costrette a sposare il fratello del defunto marito. Obblighi che le donne non sono più disposte ad accettare.

All’incontro, organizzato dall’organizzazione non governativa Amazing Grace, hanno partecipato anche vedove di Paesi vicini come Kenya, Uganda e Malawi.

«Alcune delle sfide che le vedove devono affrontare includono intimidazioni e la stigmatizzazione da parte della famiglia del defunto marito», ha dichiarato alla Bbc Swahili Beatrice Mwinuka, che ha organizzato il simposio.

Continuare a leggere...

Etichettato sotto

13 SL1 Trabajador 20construye 20casa 20en 20Beverly 20Hills1

C’è costernazione, paura e confusione in tante famiglie latinoamericane nello Stato del Mississipi (Stati Uniti) dopo il raid della polizia dell’8 agosto che ha lasciato decine di bambini senza genitori.

In un video inviato all’Agenzia Fides, diventato virale nei social media, tra i singhiozzi, Magdalena Gómez, 11 anni, appare davanti alle telecamere dicendo in inglese: "Governo, per favore, mostra un po' di cuore". Lo dice perché suo padre è stato arrestato mercoledì insieme a centinaia di persone dopo che più di seicento agenti dell'Immigration and Customs Enforcement Service (ICE) hanno lanciato una vasta operazione di polizia nel Mississippi.

Continuare a leggere...

Etichettato sotto

04 SL1 cq5dam.thumbnail.cropped.1500.844

Dopo 32 anni Washington ufficializza il ritiro dal trattato con Mosca che limita l’utilizzo dei missili nucleari. Nuove tensioni in Europa e preoccupa la corsa agli armamenti.

Gli Stati Uniti annunciano il ritiro dal trattato con la Russia per il controllo delle armi nucleari (Inf). Oggi il segretario americano di Stato, Mike Pompeo, dovrebbe annunciare la sospensione del patto, dopo che il presidente Trump, nell’autunno dello scorso anno, aveva accusato la Russia di aver violato l’accordo. I due Paesi hanno ancora sei mesi per trovare un’intesa prima del ritiro effettivo. Tuttavia, secondo il Cremlino gli Stati Uniti potrebbero schierare 48 missili in Europa per fare pressione su Mosca, quindi preparano le contromisure. La speranza è che raggiungano un’intesa.

Il Papa contro il nucleare

A inizio anno Francesco aveva espresso preoccupazione perché “il disarmo nucleare, ampiamente auspicato e in parte perseguito nei decenni passati, sta ora lasciando il posto alla ricerca di nuove armi sempre più sofisticate e distruttive”. Il tema era al centro del discorso rivolto dal pontefice ai membri del corpo diplomatico. Nei laboratori di ricerca si lavora alla miniaturizzazione delle testate nucleari, spiega Fabrizio Battistelli, presidente dell’istituto Archivio Disarmo. Questo “aumenta il rischio, perché essendo più manovrabili, diventano anche più utilizzabili”

Il trattato sul nucleare

Il trattato sui missili atomici era stato firmato l’8 dicembre 1987 dal Presidente russo Michail Gorbacev e da quello americano Ronald Reagan. L’obiettivo era limitare il ricorso a queste armi nucleari a medio raggio. Una pietra miliare che pose fine alla Guerra Fredda durata 40 anni. “Fu un atto di saggezza in quell’epoca”, spiega Battistelli. “L’idea di trasformare l’Europa in un campo di battaglia nucleare appariva improbabile agli stessi americani”. Oggi questo passo indietro “non potrà non provocare un processo di riarmo generalizzato”.

Nuove tensioni America-Russia

La crisi si scatena nell’autunno del 2018 quando l’Amministrazione americana aveva accusato Mosca di produrre nuovi missili nucleari. Critica subito rispedita al mittente dal Cremlino. Poi il fallimento definitivo dei negoziati con Trump che aveva intimato a Mosca di distruggere gli armamenti entro il 2 febbraio, pena il ritiro dal trattato. Ora occorrono sei mesi prima che la revoca sia definitiva, ma “non c’è da essere troppo ottimisti”, è l’analisi di Battistelli. Trump è “fermo nel proposito strategico di riaffermare la supremazia americana”.

Etichettato sotto

Chinese flag. Credit: Philip Jägenstedt via Flickr (CC BY 2.0) filter added.

Wang Jie (a fictional name) is a deacon belonging to the Chinese underground Church. He has spent several years studying in Europe, and for security reasons cannot use his real name, since Chinese authorities may not let him reenter his country if they knew he is preparing to become a priest.

The seminarian shared his story recently with media. He was born in China “in an area where most of the people are pagan.” None of his family members were Catholic, and in fact his parents “had never even heard the word 'Christianity.'”

But one day his mother fell ill. They found what they believed to be a medical center with a cross on it. It was actually a church, where a nun received them.

After his mother recovered, Wang’s parents returned to thank the woman for caring for her.

“Then the nun began to gradually speak to them about faith, about Christ. My parents were very interested and after some time they converted,” he said. “We see it as a miracle so we would know the faith. God guided us to his house.”

In a sense, the conversion was natural, because his parents were already practicing charity and trying to help others in any way they could. Wang’s entire family was baptized when he was eight years old.

His family joined the underground Catholic Church. They could not openly practice their faith, as the government only recognized the “Patriotic Church” controlled by the Communist Party.

When Wang’s mother became pregnant again, they faced a challenge. The one-child policy, which was in effect at the time, prohibited families from having a second child. But as Catholics, his parents refused to abort. They looked for a way to avoid the heavy penalties imposed by the Communist government on families with more than one child.

“When my sister was born, we found a family that had just had another child, and we registered them as if they were twins. In fact, my sister doesn't have my same last name [as I do] but that of the other family because according to those documents they are siblings,” he said.

Eventually, his parents befriended a priest who was a rector of the seminary. The rector explained that the seminarians had to move every three or four months to avoid being discovered by the authorities.

“My parents offered them our house, they could live on the ground floor and we on the top floor,” he said.

For the next 10 years, seminarians were living intermittently on the ground floor of the house. Touched by their example, Wang felt a call to the seminary.

He made the final decision after accompanying one of the seminarians to give some catechism lessons.

“When I returned home, it was as if something had set my heart on fire, I told my parents I wanted to be a priest. I had that seed of a vocation in my heart,” he said. “Now I'm a deacon and no words can express the very profound joy I have in my heart.”

The seminarian said that even though he is studying in Europe, his desire is to return to China as soon as possible to preach the Gospel there.

Life as a Chinese Catholic is difficult. Mass is celebrated in family homes, and people must be careful not to talk about their faith explicitly, because the authorities could be listening. However, living with the risk of arrest is worth it, Wang said, because “we want to have the Truth, it's what you have to do despite the cost.”

One of the worst moments he faces, he said, is when he has to enter China without the authorities discovering that he is a seminarian.

“When I'm in line to enter and I have the passport in my hands, I start praying to the Virgin: 'My mother, help me. My mother, help me.' And everything has always gone well even though the dangers are real. God always helps me,” he said.

Regarding the recent accord between the Holy See and the Chinese government which initiates the integration of the underground Church with the Patriotic Church, the seminarian stressed the importance of unity.

“There are some who say the accord is good, and others who don't think so. But above all we have to pray a lot and follow what the Church says, because the Devil wants to divide the Church and knows how to do it,” he said.

“God gave the key to the papacy to Saint Peter and that's part of our faith, and either we unite ourselves to Peter or we're not going anywhere.”

Wang Jie is currently studying and receiving formation as a priest in Europe thanks to the Fundación Centro Académico Romano de Formación (Academic Formation Center Foundation of Rome).

This foundation grants scholarships to seminarians and priests from dioceses in need from all over the world so they can receive formation at the University of Navarre, Spain, of the Pontifical University of the Holy Cross in Rome, Italy, to later return to their dioceses.

Etichettato sotto

15 SL1 1533 e1525803976674

205 decessi e 329 casi registrati di contagio. È questo il drammatico bilancio dell’epidemia di ebola che ha colpito le province del Nord-Kivu e dell’Ituri nell’est della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Secondo il Ministero della Sanità congolese il bilancio dell’epidemia di quest’anno ha superato quello della prima epidemia, registrata nella storia nel 1976 a Yambuku, nella provincia dell’Equatore, nell’allora Zaire (come si chiamava all’epoca la RDC).

Per il Ministero della Salute congolese, nessun'altra epidemia di Ebola è stata così complessa come quella attuale. L'insicurezza, la densità della popolazione e la resistenza della comunità rendono più difficile il lavoro degli operatori umanitari.

La settimana scorsa, tre agenti della protezione civile e un epidemiologo sono stati brevemente presi in ostaggio da un gruppo di miliziani Mai-Mai nel villaggio di Matembo, tra le città di Beni e Butembo.

In una dichiarazione congiunta, il Dipartimento delle operazioni di mantenimento della pace dell'ONU e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) denunciano che le squadre di soccorso incontrano forti resistenze da parte delle popolazione della aree colpite dall’epidemia, dove decenni di guerra hanno contribuito “alla diffusione di disinformazione e alimentato la sfiducia di alcune popolazioni locali che sono riluttanti a consentire alle équipe sanitarie di somministrazione i vaccini necessari a bloccare la diffusione della malattia e a seppellire dignitosamente le vittime in sicurezza”

A fine agosto Sua Ecc. Mons. Ecc. Mons. Melchisédech Sikuli Paluku, Vescovo di Butembo-Beni, aveva lanciato un appello alla popolazione perché collaborasse con le autorità sanitarie nel soccorre i malati e nel cercare di bloccare l’epidemia (vedi Fides 1/9/2018). (L.M.)

Etichettato sotto

Gli ultimi articoli

Zio e nipote: Cafasso e Allamano

23-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Zio e nipote: Cafasso e Allamano

Lettura parallela della spiritualità di due uomini di Dio Il Beato Giuseppe Allamano iniziò da giovane una graduale scoperta della santità...

Festa della Consolata con un sapore afro-colombiano

23-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Festa della Consolata con un sapore afro-colombiano

Per i Missionari della Consolata il 20 giugno non è un giorno qualunque ma è la celebrazione della festa della...

XII Domenica del TO / B - “Passiamo all'altra riva"

22-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

XII Domenica del TO / B - “Passiamo all'altra riva"

Gb 38, 1. 8-11; Sal 106; 2 Cor 5, 14-17; Mc 4, 35-41 L’esperienza dolorosa della sofferenza alquanto assurda e ingiustificata...

Bolivia. «Noi conosciamo l’Amazzonia. Ascoltateci»

21-06-2024 Notizie

Bolivia. «Noi conosciamo l’Amazzonia. Ascoltateci»

L’XI riunione del Foro social panamazonico (Fospa) Foresta pluviale e fiumi, ma anche 2,5 milioni di specie animali, 40mila specie floreali...

Maria Consolata, mistero d'amore e di vita...

21-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Maria Consolata, mistero d'amore e di vita...

Maria di Nazareth, lì mi piace ricordarti, nella vita di tutti i giorni,nel lavoro e nella cura,nella casa e nella...

Festa della Consolata: “Non hanno più vino”... “Fate quello che vi dirà”

19-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Festa della Consolata: “Non hanno più vino”... “Fate quello che vi dirà”

Messaggio del Superiore Generale, padre James Bhola Lengarin “Tutti abbiamo gioito, il 23 maggio scorso, alla notizia del riconoscimento del miracolo...

Giornata Mondiale del Rifugiato 2024

19-06-2024 Notizie

Giornata Mondiale del Rifugiato 2024

Sono oltre 117 milioni le persone in fuga da guerre, persecuzioni e violenza a livello globale, almeno 1 persona ogni...

Il Beato Giuseppe Allamano e la festa della Consolata

18-06-2024 I Nostri Missionari Dicono

Il Beato Giuseppe Allamano e la festa della Consolata

Il 20 giugno è la festa della Consolata ed è la festa patronale dei Missionari e Missionarie della Consolata. È...

Colombia: Convegno Missionario Interculturale

18-06-2024 Missione Oggi

Colombia: Convegno Missionario Interculturale

“Siamo indigeni, afrodiscendenti, amazzonici, cittatini, sacerdoti e laici…” Un programma di teologia e prassi missionaria vissuta dai Missionari della Consolata in...

onlus

onlus