L’anafora di Addai e Mari

Pubblicato in Notizie
Letto 4305 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto

L’anafora di Addai e Mari è un’antica preghiera eucaristica cristiana, caratteristica della Chiesa assira d’Oriente.
Attribuita dalla tradizione a Taddeo di Edessa e Mari, discepoli di san Tommaso apostolo e santi del I secolo, risale al III secolo secondo la maggioranza degli studiosi[1].
Ha la peculiarità di non contenere in modo coerente e ad litteram le parole dell’istituzione dell’eucaristia da parte di Gesù Cristo (“Questo è il mio corpo”, “questo è il calice del mio sangue per la nuova ed eterna alleanza...”). Sono presenti invece “in modo eucologico disseminato, ossia integrate nelle preghiere di rendimento di grazie, di lode e di intercessione”[1]. Si riportano tre passaggi interessanti: “[...] abbiamo ricevuto per tradizione l’esempio che viene da te, rallegrandoci, glorificando, esaltando, facendo memoria e celebrando questo mistero grande e terribile [...] nella memoria del corpo e del sangue del tuo Cristo, che noi offriamo a te sull’altare puro e santo, come tu ci hai insegnato, [...] sacramento vivificante e divino che io posso amministrare al tuo popolo, il gregge del tuo pascolo”.
Nel 2001 la Chiesa cattolica ha riconosciuto la validità dell’anafora di Addai e Mari–sostenuta da una tradizione ininterrotta risalente all’epoca post-apostolica–nel contesto della possibilità di intercomunione, in caso di necessità pastorale, tra i fedeli della Chiesa assira d’Oriente e la Chiesa cattolica caldea.

L’ANAFORA DEGLI APOSTOLI ADDAI E MARI (traduzione di C. Giraudo)
— La grazia del Signore nostro [Gesù Cristo, e l’amore di Dio Padre, e la comunione dello
Spirito Santo sia con tutti noi, ora e in ogni tempo, e nei secoli dei secoli]!
— Amen.
— In alto siano le vostre menti!
— A te [sono], Dio [di Abramo e di Isacco e di Israele, re lodabile].
— L’oblazione a Dio, Signore di tutti, viene offerta!
— È conveniente e giusto.

1. Prefazio

È degno di lode da tutte le nostre bocchee di confessione da tutte le nostre lingueil Nome adorabile e lodabile del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo,che creò il mondo nella sua grazia,e i suoi abitanti nella sua pietà,e redense gli uomini nella sua clemenza,e fece una grande grazia ai mortali.La tua grandezza, Signore, adorano mille migliaia di [esseri] superiorie diecimila miriadi di Angeli,le schiere di [esseri] spirituali, ministri di fuoco e di spirito,insieme ai Cherubini e ai Serafini santilodano il tuo Nome,vociferando e lodando [incessantemente,e gridando l’ uno all’ altro e dicendo]:

2. Sanctus

Santo, santo, [santo è il Signore Dio potente;pieni sono il cielo e la terra delle sue lodi.Osanna nei luoghi eccelsi e osanna al Figlio di David!Benedetto colui che viene e verrà nel nome del Signore.Osanna nei luoghi eccelsi!]

3. Post-Sanctus

E con queste potenze celesti ti confessiamo, Signore,anche noi tuoi servi deboli e infermi e miseri,perché facesti a noi una grande grazia che non si può pagare:poiché rivestisti la nostra umanitàper vivificarci attraverso la tua divinità,ed elevasti la nostra oppressione,e rialzasti la nostra caduta,e risuscitasti la nostra mortalità,e rimettesti i nostri debiti,e giustificasti la nostra condizione-di-peccato,e illuminasti la nostra mente,e superasti, Signore nostro e Dio nostro, i nostri avversari,e facesti risplendere la debolezza della nostra natura infermacon le misericordie abbondanti della tua grazia.E per tutti [i tuoi aiuti e le tue grazie verso di noiti rendiamo lode e onore e confessione e adorazione,ora e in ogni tempo, e nei secoli dei secoli. (R/ Amen)].

4. Intercessione unica

Tu, Signore, nelle tue (molte) misericordie,di cui non riusciamo a parlare,fa’ memoria buona di tutti i padri retti e giustiche furono graditi dinanzi a tenella commemorazione del corpo e del sangue del tuo Cristo,che ti offriamo sopra l’ altare puro e santocome tu ci insegnasti;e concedi a noi la tua tranquillità e la tua paceper tutti i giorni del mondo,affinché conoscano tutti gli abitanti della terrache tu sei Dio, il solo vero Padre,e tu mandasti il Signore nostro Gesù Cristo, Figlio tuo e diletto tuo;e lui stesso, Signore nostro e Dio nostro,ci insegnò nel suo vangelo vivificantetutta la purità e santità dei profeti e degli apostoli,e dei martiri e dei confessori,e dei vescovi e dei presbiteri e dei ministri,e di tutti i figli della santa Chiesa cattolica,che furono segnati con il segno (vivo) del battesimo santo.

5. - 6. Anamnesi+QuasiRacconto

E anche noi, Signore, tuoi servi deboli e infermi e miseri,che siamo radunati e stiamo dinanzi a te in questo momento,abbiamo ricevuto nella tradizione la figura che viene da te,giacché ci allietiamo e lodiamo,ed esaltiamo e commemoriamo e celebriamo,e facciamo questo mistero grande e tremendodella passione e morte e risurrezione del Signore nostro Gesù Cristo.

7.  Epiclesi sulle oblate

Venga, Signore, lo Spirito tuo santo,e riposi sopra questa oblazione dei tuoi servi,e la benedica e la santifichi,

8. Epiclesi sui comunicanti

affinché sia per noi, Signore,per l’espiazione dei debiti e per la remissione dei peccati,e per la grande speranza della risurrezione dai morti,e per la vita nuova nel regno dei cielicon tutti coloro che furono graditi dinanzi a te.

9. Dossologia epicletica

E per tutta la tua economia mirabile verso di noi ti confessiamo e ti lodiamo incessantemente,nella tua Chiesa redenta nel sangue prezioso del tuo Cristo,con bocche aperte e a volti scoperti,rendendo [lode e onore e confessione e adorazioneal Nome tuo vivo e santo e vivificante,ora e in ogni tempo, e nei secoli dei secoli].Amen!

 

Fonte: http://it.wikipedia.org/

Gli ultimi articoli

I Domenica di Avvento (Anno A) - Vegliat…

22-11-2022 Domenica Missionaria

I Domenica di Avvento (Anno A) - Vegliate dunque...

Is 2, 1-5; Rm 13, 11-14; Mt 24, 37-44 Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà La...

Leggi tutto

Festival della missione. Farsi carico de…

22-11-2022 Formazione missionaria

Festival della missione. Farsi carico del dolore della vittima

Voglio cominciare dicendovi che da 18 anni sto lavorando nel carcere femminile della città di Santiago del Cile: quando la...

Leggi tutto

Festival della missione. L'arte del ramm…

22-11-2022 Missione Oggi

Festival della missione. L'arte del rammendo

Io sono arrivato al Cuamm (Collegio Universitario Aspiranti Medici Missionari) nel ‘94 e quindi ho iniziato in Africa questa mia...

Leggi tutto

La pastorale afro in Brasile

22-11-2022 I Nostri Missionari Dicono

La pastorale afro in Brasile

Cos'è la Pastorale Afro? Approfittando di questo testo di padre Jalmir Matias de Oliveira, coordinatore della pastorale-afro nella diocesi di São...

Leggi tutto

La missione che illumina la nostra vita

22-11-2022 I Nostri Missionari Dicono

La missione che illumina la nostra vita

Abbiamo appena concluso il mese di ottobre, il mese missionario che, attraverso il messaggio di Papa Francesco per la Giornata...

Leggi tutto

Ordinato nuovo sacerdote Brasiliano per …

22-11-2022 Notizie

Ordinato nuovo sacerdote Brasiliano per la missione in Asia

La parrocchia di San Giovanni Battista, a Mauá (San Paolo) aveva una veste davvero festosa la mattina del cinque novembre...

Leggi tutto

Chi confida nel Signore è come il monte…

22-11-2022 Preghiera missionaria

Chi confida nel Signore è come il monte Sion: stabile per sempre.

Zaccaria, al momento dell'annuncio, inizia a fare i conti guardando solamente a se stesso e alla vecchiaia sua e della...

Leggi tutto

Chi semina nelle lacrime mieterà con gi…

16-11-2022 Preghiera missionaria

Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo

Nell'ultima parte del'Esortazione, Papa Francesco ritorna sulle motivazioni di fondo che debbono sostenere e accompagnare l'Evangelizzazione. Di fronte allo scandalo...

Leggi tutto

Originale cammino sinodale

16-11-2022 Notizie

Originale cammino sinodale

Era l'altra domenica a fine ottobre, subito dopo la messa, che siamo partiti. Come inviato dall'assemblea, era un piccolo gruppo...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus