Il vescovo del popolo

Mons. Gerardo Valencia Cano in una sessione del concilio Mons. Gerardo Valencia Cano in una sessione del concilio Religión Digital
Pubblicato in I missionari dicono

Il ventuno gennaio del 1972, cinquant'anni fa, moriva in un incidente aereo il vescovo di Buenaventura (Colombia) Monsignor Gerardo Valencia Cano. Direttore del dipartimento missionario del Celam (Conferenza Episcopale Latino americana), aveva partecipato al Concilio Vaticano II ed era una delle figure di spicco per il suo impegno pastorale e sociale con la popolazione afrodiscendente. 

"Non si vede un vescovo come lui di questi tempi" erano le parole che sentivo dire da mia nonna quando parlava di monsignor Gerardo Valencia Cano. Era una di quelle persone che lasciano un segno indelebile nel mondo e un vescovo certamente sui generis, capace di camminare per le strade a piedi e se vedeva una casa in costruzione andava ad aiutare gli operai: portava la sabbia, mescolava il cemento e sistemava i mattoni. 

Sacerdote missionario dell'Istituto delle Missioni Estere di Yarumal fu vicario apostolico della città di Buenaventura, porto colombiano sull’oceano Pacifico, dal maggio 1953 fino al 21 gennaio 1972, 50 anni fa, quando morí in un incidente aereo la cui dinamica non è mai stata chiarita e sul quale rimane il sospetto che si sia trattata di una brutale esecuzione.

Fece il suo apostolato con le comunità afrodiscendenti, che sono ancora oggi la stragrande maggioranza della popolazione della regione del pacifico colombiano e della città di Buenaventura, una popolazione storicamente esclusa e discriminata anche dallo stesso governo nazionale, come si può constatare perfino analizzando i dati storici raccolti dall’ente statistico dello stato colombiano.

Era straordinariamente attento alle persone e quando si chiede a chiunque se avesse conosciuto Mons. Gerardo frequentemente ci si sentiva rispondere “ma certo, salutava sempre tutti", "era molto semplice, si occupava e aiutava chiunque avesse bisogno". Seguendo il modello di Gesù la sua scelta è stata il popolo afro, oppresso e dimenticato dal resto della società; nelle persone e nei luoghi che frequentava è rimasto di lui un bellissimo ricordo.

Il suo coraggio nel difendere i più deboli era audace. Tra le tante storie che si raccontano, ce n'è una che spicca. Quando si stava realizzando l’ampliamento del terminale marittimo del porto di Buenaventura, le draghe che stavano scavando il fondo della baia per dare maggiore pescaggio alle enormi navi mercantili  scaricavano tutto il fango sulla costa a ridosso di zone abitate. Era un modo brusco, audace e spudorato di sfollare centinaia di famiglie, occupare le loro terre e costruire il più importante porto marittimo del sud-ovest della Colombia. Mentre il fango cadeva sulle case, anche con le persone all'interno che non volevano abbandonarle, Mons. Gerardo Valencia Cano, missionario dal corpo snello e alto, teneva testa alle draghe incurante del fango che lo ricopriva.

Nelle sua predicazione e nella sua azione missionaria non si accontentava di proclamare l'amore di Dio ma denunciava anche l'oppressione del popolo e metteva tutto il suo impegno a favore di un autentico progresso della gente. L'educazione era il primo e più importante passo per questo progresso e il suo impegno si vede ancora oggi nell'Istituto Tecnico Industriale che porta il suo nome (1956), nel Collegio per la formazione degli insegnanti Juan Ladrilleros (1960) e nei primi passi di quella che più tardi sarebbe divenuta l’università del Pacifico. In attenzione ai più vulnerabili cominciò anche l'Orfanotrofio San Vicente de Paúl (1959) e la Casa “Jesús Adolescente” per i bambini di strada (1961).

A 50 anni dall'incidente aereo in cui perse la vita, per molti un crimine che rimane impunito, la sua memoria continua viva e anima ancora la spiritualità e la vitalità della sua chiesa negra. 

24GerardoCanoB 77663322

Celebrazione in Buenaventura del 50 della morte di Mons. Gerardo Valencia Cano

Ultima modifica il Lunedì, 24 Gennaio 2022 07:33

Gli ultimi articoli

Padre James Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

19-07-2024 I missionari dicono

Padre James Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

“Ci sono due immagini che mi hanno sempre accompagnato nel mio sacerdozio. La prima è l'immagine del pastore, profondamente legata...

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

18-07-2024 I missionari dicono

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

15-07-2024 Missione Oggi

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

La Corte di Giustizia dello Stato del Paraná (Brasile) ha tenuto dal 3 al 5 luglio l'incontro sulla Giustizia Riparativa...

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

14-07-2024 Missione Oggi

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

I rappresentanti dei popoli nativi dell'Amazzonia peruviana, insieme ai missionari, si sono riuniti nella Prima Assemblea dei Popoli Nativi, che...

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

13-07-2024 Notizie

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

La comunità di Casa Generalizia a Roma festeggerà, il 18 luglio 2024, il 25° anniversario di ordinazione sacerdotale di padre...

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

13-07-2024 Allamano sarà Santo

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

L'11 maggio 1925 padre Giuseppe Allamano scrisse una lettera ai suoi missionari che erano sparsi in diverse missioni. A quel...

onlus

onlus