Il valore della persona umana dal punto di vista cristiano

La scoperta del nostro valore agli occhi di Dio ci rende eroi La scoperta del nostro valore agli occhi di Dio ci rende eroi

Nel corso dei secoli, le diverse società hanno avuto modi diversi di misurare il valore di una persona. In generale, il mondo pagano aveva tre criteri per dimostrare il valore di un individuo nella società. La conoscenza di questi criteri è importante se vogliamo evitare di valutare noi stessi utilizzando gli stessi parametri, e quindi di fare pressione su di noi per raggiungere certi obiettivi sfuggenti e spesso inutili.

Questo è fondamentale perché oggi il secolarismo sta riportando il mondo ai criteri pagani di misurazione del valore della persona, dove i risultati ottenuti mostrano il suo valore più di ogni altra cosa.

Il cristianesimo ci ha aperto gli occhi e ha dimostrato che siamo figli e figlie di Dio, destinati a una fine gloriosa, ma che viviamo temporaneamente in questo mondo come un passaggio. Purtroppo, il declino dell'affiliazione delle persone alle realtà spirituali, il rapido aumento del materialismo e la sempre maggiore sostituzione della religione con forme alternative pseudo religiose (es. Psicologia e altro) stanno alimentando il ritorno alla visioner "pagana" circa il valore di una persona.

Nel mondo greco, c'erano tre attributi che stabilivano la qualità di una persona. In primo luogo, un uomo di valore doveva avere un'origine nobile. In altre parole, una persona era una persona di valore se apparteneva all'aristocrazia. Questa poteva essere ottenuta per nascita, per servizio nell'esercito o per via burocratica. In secondo luogo, la qualità di una persona era misurata attraverso l'istruzione di eccellenza. L'istruzione formale creava le élites che erano al di sopra della gente comune, povera e analfabeta. In terzo luogo, una persona veniva misurata attraverso i suoi successi (attività che aveva svolto o virtù che aveva dimostrato nella sua vita). In altre parole, le grandi opere delle persone parlavano per loro, di solito elevandole nella scala sociale.

20240704Persona

Queste tre qualità erano utilizzate come indicatori dell'identità e del valore di una persona. Le ritroviamo anche nel Nuovo Testamento. Ad esempio, in Atti degli apostoli 22,3-4, San Paolo disse: "Io sono un ebreo, nato a Tarso in Cilicia". Stava dicendo agli ebrei che se la nobiltà e il valore di una persona si misuravano dall'essere ebreo, allora lui aveva i requisiti necessari, perché era anch'egli ebreo. Per quanto riguarda l'istruzione, disse di essere stato istruito da Gamaliele, uno dei grandi maestri della legge dell'epoca. Per quanto riguarda le conquiste, San Paolo osservava che era stato molto diligente nei confronti di Dio e per questo motivo aveva perseguitato i cristiani mandando in prigione uomini e donne.

In un altro caso (Fil 3,10-11), San Paolo parla della sua circoncisione all'ottavo giorno, per sottolineare la sua origine ebraica e la sua appartenenza al popolo eletto di Dio. Diceva infatti di essere un ebreo nato da genitori ebrei e appartenente alla tribù di Beniamino. Per quanto riguarda l'educazione, San Paolo ha detto di essere stato un fariseo. Per quanto riguarda le conquiste, disse che prima del suo drammatico incontro con il Signore stava perseguitando la Chiesa. San Paolo voleva dire agli ebrei che se quel criterio di misurazione del valore di una persona era giusto, allora lui era molto qualificato agli occhi della gente.

Oggi San Paolo ci dice quello che disse agli ebrei di allora. Pur avendo tutti i motivi per vantarsi, considerava ogni cosa un'inutile porcheria in confronto alla conoscenza di Cristo (Fil 3,8). Aveva capito che il valore di una persona inizia quando si rende conto della sua filiazione a Dio. Anche noi dobbiamo scoprire che il nostro valore è legato e fondato sulla nostra relazione con Dio. Il nostro valore non ha nulla a che vedere con il luogo in cui siamo nati, con l'educazione che abbiamo ricevuto o con i risultati che abbiamo raggiunto nella nostra vita. Tutte queste cose ci danno un valore temporaneo e ci rendono eroi a breve termine agli occhi della gente, ma alla fine sono inutili, perché non hanno alcun beneficio spirituale.

Il vero valore di una persona e l'eroismo in senso cristiano non hanno nulla a che fare con il fatto di essere nati in una famiglia speciale, di avere una grande istruzione formale o di avere molti successi mondani. Questi eroi muoiono come chiunque altro, lasciano le loro conquiste e diventano parte della sorte dimenticata. La scoperta del nostro valore agli occhi di Dio ci rende eroi. È così che i santi sono diventati ciò che sono oggi.

Il vero eroismo cristiano significa diventare progressivamente persone migliori ogni giorno, superando le nostre debolezze e conformando la nostra vita al progetto di Dio, espresso nella vita di Cristo. In un mondo in cui i nostri effimeri successi vengono sbandierati e pubblicizzati ovunque, San Paolo ci invita a riscoprire la nostra filiazione a Dio. Dal punto di vista cristiano, il santo, a differenza dell'eroe pagano, non nasce eroe, non nasce imbattibile. Il santo nasce debole, ma consapevole della sua fragilità e cerca di acquisire una configurazione progressiva in Cristo, che è il modello supremo degli eroi. Come tale, diventa un eroe grazie alla forza e all'aiuto dello Spirito di Cristo. Che anche noi possiamo diventare tali eroi.

* Padre Jonah M. Makau, IMC, frequenta il corso in Cause dei Santi, a Roma.

Ultima modifica il Giovedì, 04 Luglio 2024 23:18

Gli ultimi articoli

Padre James Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

19-07-2024 I missionari dicono

Padre James Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

“Ci sono due immagini che mi hanno sempre accompagnato nel mio sacerdozio. La prima è l'immagine del pastore, profondamente legata...

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

18-07-2024 I missionari dicono

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

15-07-2024 Missione Oggi

Giustizia Riparativa e la “pedagogia allamaniana”

La Corte di Giustizia dello Stato del Paraná (Brasile) ha tenuto dal 3 al 5 luglio l'incontro sulla Giustizia Riparativa...

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

14-07-2024 Missione Oggi

Perù: prima assemblea dei popoli nativi

I rappresentanti dei popoli nativi dell'Amazzonia peruviana, insieme ai missionari, si sono riuniti nella Prima Assemblea dei Popoli Nativi, che...

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

13-07-2024 Notizie

Padre James Lengarin festeggia 25 anni di sacerdozio

La comunità di Casa Generalizia a Roma festeggerà, il 18 luglio 2024, il 25° anniversario di ordinazione sacerdotale di padre...

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

13-07-2024 Allamano sarà Santo

Nei panni di Padre Giuseppe Allamano

L'11 maggio 1925 padre Giuseppe Allamano scrisse una lettera ai suoi missionari che erano sparsi in diverse missioni. A quel...

Articoli correlati

onlus

onlus

consolata news 2

 

Contatto

  • Viale Mura Aurelie, 11-13, Roma, Italia
  • +39 06 393 821