Terza domenica di Avvento (Anno B). Rallegratevi sempre nel Signore

Terza domenica di Avvento (Anno B). Rallegratevi sempre nel Signore Foto SozziJA
Pubblicato in Domenica Missionaria

Is 61,1-2.10-11;
Lc 1;
1Ts 5,16-24;
Gv 1,6-8.19-28.

«Rallegratevi sempre nel Signore: ve lo ripeto, rallegratevi, il Signore è vicino». Con l’antifona d’ingresso la celebrazione di questa domenica (detta anche “domenica Gaudete”) è orientata alla gioia: gioia perché il Signore è vicino, gioia perché una “buona notizia” è portata a tutti (Prima lettura), gioia dei credenti convocati da Dio a fare comunità  per ascoltare la Parola e celebrare l’Eucaristia (Seconda lettura), gioia del Battista che testimonia il Signore presente in mezzo a noi (Vangelo). L’invito a gioire, dunque, è dato dalla presenza del Signore e dai “doni preziosi” che Egli fa alla comunità attraverso lo Spirito Santo: gli effetti salvifici e santificanti per i credenti (cfr. orazione sulle offerte e dopo la comunione).

Nella Prima lettura il profeta ha il compito di rendere visibile la Parola attraverso le sue azioni; egli si fa apostolo di un lieto annuncio, di una Parola che diventa medicina, liberazione e remissione di ogni peccato. Gesù stesso attraverso questa profezia inaugurò il suo ministero (cfr. Lc 4,16-21; acclamazione al vangelo). Anche a noi, nell’oggi celebrativo, la Parola invita ad accoglierla in modo da essere liberati dalle varie schiavitù spirituali che portiamo dentro. La risposta a quest’opera grande di Dio è il Salmo responsoriale, attraverso il quale facciamo nostra l’esperienza di Maria, un’esperienza in cui Dio capovolge le situazioni umane, è vicino a coloro che confidano in Lui e la loro vita diventa “spazio” del Suo agire. 

Nel brano evangelico il Battista è presentato come testimone di Gesù, indica la via di Dio definendosi «voce», orienta i suoi discepoli a Cristo. Il testimone è quell’uomo di Dio che non è accentratore, egoista, superbo, avido, geloso ma è colui che “indica” Gesù, rimanda a Lui, lo rende presente nelle sue parole e nelle sue azioni. Giovanni diventa il modello della Chiesa, la quale rassicura il mondo sul fatto che il Signore c’è, è in mezzo a noi; anche se ancora non gode delle visione piena del suo volto, né della comunione perfetta con Lui. 

La voce e la testimonianza di Giovanni, però, si scontrano con un mondo incredulo e a volte diffidente, un mondo incentrato sull’io o sul potere, perciò risuona ancora nelle nostre orecchie l’invito alla conversione. Entrare in contatto con Cristo presuppone un cambiamento di mentalità; senza questo, Gesù può essere nel mondo ma senza essere riconosciuto. Il Battista è riuscito ad aprire gli occhi di alcuni suoi contemporanei e in questo tempo invita tutti a riconoscere Gesù, ad entrare in relazione e comunione con Lui, a fare un’esperienza di Lui e con Lui. È da questa relazione con Dio, attraverso il Figlio fatto uomo, che dipende la riuscita della nostra vita e del significato del Natale. 

Il Signore è già venuto, riscopriamolo presente nella nostra vita e testimoniamolo con gioia.

Gli ultimi articoli

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

22-07-2024 Allamano sarà Santo

Significato della canonizzazione del Beato Allamano nel mese di ottobre

Il 01 luglio 2024, il Santo Padre, Papa Francesco, ha annunciato la data prevista per la canonizzazione del Beato Giuseppe...

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

22-07-2024 Notizie

IV Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” (cfr. Sal 71,9) La Chiesa celebra, domenica 28 luglio 2024, la IV Giornata Mondiale dei Nonni e...

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

22-07-2024 Notizie

Genocidio in Ruanda: trent’anni dopo

Il Paese a trent’anni dal genocidio. Intervista a don Oscar Kagimbura, segretario generale di Caritas Ruanda Trent’anni fa, il 16 luglio...

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

21-07-2024 Notizie

Eritrea. Trent’anni di Afewerki

I rapporti tra il paese del Corno d’Africa e l’Italia L’Italia e l’Eritrea tornano amiche? Quale senso ha il riavvicinamento del...

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

19-07-2024 I missionari dicono

Padre Lengarin: “25 anni di un Servizio al Dio della Moltiplicazione”

“Ci sono due immagini che mi hanno sempre accompagnato nel mio sacerdozio. La prima è l'immagine del pastore, profondamente legata...

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

17-07-2024 Domenica Missionaria

XVI Domenica del TO / B -“Venite in disparte e riposatevi un po’”

Ger 23,1-6; Sal 22; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34 Nel vangelo Marco ci presenta Gesù come un vero pastore il cui sguardo ...

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

17-07-2024 Allamano sarà Santo

Percorso spirituale: “Il Fondatore e l’Eucaristia”

In continuità con il percorso spirituale proposto dalle due Direzioni Generali IMC - MC e in preparazione alla canonizzazione del...

Missionari laici della Consolata in Venezuela

16-07-2024 Missione Oggi

Missionari laici della Consolata in Venezuela

Prima di tutto vogliamo essere grati a Dio, alla Chiesa e ai Missionari della Consolata; la gratitudine è la nostra...

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

16-07-2024 Notizie

Mozambico. Non è mediatica, ma è una guerra

Una regione del Paese africano alla mercé della guerriglia islamista C’era ottimismo a Maputo, la capitale mozambicana. La guerriglia a Cabo...

onlus

onlus