Domenica di Pasqua (Anno A). Davvero Cristo è risorto!

Domenica di Pasqua (Anno A). Davvero Cristo è risorto! Foto Sozzi JA
Pubblicato in Domenica Missionaria
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ac 10,34a.37-43;
Sal 117;
Col 3,1-4;
Gv 20,1-9.

Nelle letture della domenica di risurrezione si intrecciano due messaggi che non perdono mai di attualità: anzitutto il messaggio del “sepolcro vuoto”, l'elemento centrale della pericope evangelica (Gv 20,1-9) che, come affermava San Girolamo, "è diventato la culla del cristianesimo". E poi anche il messaggio del “kerigma cristiano”, cioè l'annuncio della morte e risurrezione del Signore, contenuto della prima e della seconda lettura, che trova il suo punto culminante nelle parole di Pietro (Ac 10,34a.37-43). Entrambi i messaggi ci portano a dire: “davvero Cristo è risorto”.

Il brano evangelico comincia con una bellissima esperienza dell'evento pasquale: “il sepolcro vuoto”. Giovanni comincia dicendo che era “il primo giorno della settimana, di mattina, ancora nelle tenebre... Maria la Maddalena andò al sepolcro e vide la pietra tolta dal sepolcro”. L'autore sacro mette in relazione l’evento cronologico, era “il primo giorno della settimana”, con il fatto di trovare la pietra tolta e il sepolcro vuoto. Nella sua indicazione cronologica Giovanni mette l’accento che l'esperienza ebbe luogo nel “primo giorno della settimana”. Nel “primo giorno” nasce il tempo nuovo e trova il suo fondamento principale l'esperienza della risurrezione. È questo un nuovo principio dei giorni, una nuova creazione, un nuovo tempo, una nuova storia.

Per rendere questa esperienza più significativa Giovanni usa il contrasto tra “mattina” e “tenebra”. Era “mattina” (nel testo greco “proi = mattina” indica un momento in cui c'è già la luce) ma Maria Maddalena era ancora prigioniera nelle tenebre dell'ignoranza, non pensava alla possibilità di una risurrezione. Quando vede che la pietra è stata tolta, pensa nella possibilità che il corpo sia stato portato via, magari delle autorità (cf Gv 20,13), e senza indugio previene gli apostoli con la speranza che essi possano recuperarlo.

Poi si vede che sepolcro è vuoto, ma le bende che avvolgevano il corpo di Cristo sono per terra e quindi si esclude l’ipotesi del furto e gli apostoli “incominciano a credere”. Egli “Vide e credette”: è l'inizio della fede in Gesù risorto. Questa espressione non è solo il cardine alla narrazione, ma risuona come un potente squillo di tromba per tutta la storia: c’è dunque un “credere” strettamente connesso a un “vedere”. In questo brano c'è anche una forte sottolineatura della realtà precedente al fatto qui narrato: “non avevano compreso la Scrittura” che invece aveva fatto sapere che Gesù sarebbe risorto dai morti. Basta pensare al vangelo di Luca dove per ben tre volte Gesù stesso parla ai Suoi della sua passione ma dice anche che, dopo tre giorni, sarebbe risorto.

Nella primitiva comunità cristiana si viveva quindi gioiosamente la certezza della risurrezione di Gesù e la si testimoniava: non tutti gli uomini arrivano a “capire” la risurrezione di Gesù, ma soltanto quelli che credono in lui, cioè “i testimoni prescelti da Dio”, quelli ai quali Gesù risorto “appare” come realtà vera e autentica. E la fede che ci dà l'accesso alla realtà della risurrezione e questo è precisamente il cuore del Kergma, dell’annuncio primitivo come Pietro nella prima lettura: “Voi conoscete... noi siamo testimoni... ci ha ordinato di annunziare al popolo e di attestare che Egli è il giudice dei vivi e dei morti”, quindi è il Kyrios, il Signore “tutti i profeti gli rendono questa testimonianza: chiunque crede in Lui ottiene la remissione dei peccati per mezzo del suo Nome”. 

Noi, come gli Apostoli, siamo trasformati dal Vangelo di Gesù risorto, e dobbiamo vivere i valori dello spirito (seconda lettura). Siamo gli unici capaci di trasmettere gli stessi valori ad altre persone come la serenità anche nella sofferenza, la speranza davanti alla morte, la preghiera come abbandono nelle mani del Padre, la gioia nel servizio agli altri, l'onestà a tutta prova, l'umiltà e l'autocontrollo, la promozione del bene altrui, l'attenzione ai bisogni degli ultimi, la testimonianza dell'invisibile. “La creazione, toccata dalla vita del Cristo, acquista una nuova dimensione. Il mondo è percorso dalla vita, la storia dalla speranza, l'uomo si trasforma in figlio” (G. Ravasi). È questa la bella notizia di cui il mondo ha bisogno. E che tutti, nel mondo, hanno il diritto di ascoltare! 

Così nasce anche la missione: l'annuncio di questo “Cristo è risorto” –che è il tesoro fondante della comunità credente– rimbalza di chiesa in chiesa, in ogni latitudine, in tutti gli angoli del mondo; diventa 'vangelo–bella notizia' per tutti i popoli. 

Mentre celebriamo la risurrezione del Signore siamo invitati a celebrare l'inizio dell'attività missionaria. Con Gesù risorto, nel primo giorno, inizia la storia nuova dell'umanità e la sua comunità missionaria lo annuncia risorto. In questa umanità nuova “l'annunzio ha la priorità permanente”; è l’annuncio di Cristo crocifisso, morto e risorto nel quale si compie la piena e autentica liberazione dal male, dal peccato e dalla morte. In Lui Dio dona a tutti la “vita nuova”. È questa la “buona novella” che cambia l'uomo e la storia dell'umanità e che tutti i popoli hanno il diritto di conoscere.

Il discepolo missionario è colui che, dopo aver fatto l’esperienza con il Risorto, corre per le strade del mondo comunicando la gioia del Vangelo. Per il Papa Francesco “com’è bella una Chiesa che corre in questo modo per le strade del mondo! Senza paure, senza tatticismi e opportunismi; solo col desiderio di portare a tutti la gioia del Vangelo. A questo siamo chiamati: a fare esperienza del Risorto e condividerla con gli altri; a rotolare quella pietra dal sepolcro, in cui spesso abbiamo sigillato il Signore, per diffondere la sua gioia nel mondo”.

Ultima modifica il Sabato, 08 Aprile 2023 21:06

Gli ultimi articoli

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Leggi tutto

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Leggi tutto

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus