Giovane donna

La cosiddetta Madonna del Solletico, di Masaccio La cosiddetta Madonna del Solletico, di Masaccio
Pubblicato in Preghiera missionaria
Vota questo articolo
(0 Voti)
PAROLA DI DIO

Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».

A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».

Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei. (Lc 1,26-38)

CON LA GUIDA DELLA STELLA

Solo una volta, nel corso di tutto il mio viaggio, mi è capitato di incontrare qualcuno davanti a cui mi sono sentita piccola piccola. Era una giovane donna. Una ragazza di Nazareth. Poteva sembrare una giovane come tante, ma qualcosa la rendeva differente. Custodiva luce! Mi sembrava quasi avessi trovato una concorrente in terra! Io la vedevo! Piena di una Voce che la stava rendendo laboratorio di cielo. Toccata dal Sole che la stava plasmando a diventare centrale di tenerezza. E si è ritrovata “astro che splende”, capace di illuminare la vita di Giuseppe, capace di plasmare la vita di quel figlio a cui avrebbe dato nome Gesù, capace di generare nuove vite da Cana fino ad Efeso. E, da allora, quell’astro non si è mai spento! Maria ha continuato e continua ad essere Stella che convince, che si fa dimostrazione continua di come il Vangelo fatto casa rende stupenda ogni cosa. E la Chiesa si fa riverbero della sua femminile testardaggine nel vedere l’acqua già trasformata in vino. Maria ha continuato e continua ad essere Stella che guida, che insegna come il farsi discepoli accompagna a diventare apostoli. E la Chiesa si fa riverbero della sua credibile testimonianza e incredibile fede nel vedere oltre ogni cosa e ogni volto per riconoscere i passi della Grazia. Maria ha continuato e continua ad essere Stella che veglia, che non smette di portare a compimento il mandato stesso del Figlio ricevuto ai piedi della croce: “Donna, ecco tuo Figlio”. E la Chiesa si fa riverbero dell’instancabile cura di quella maternità universale che prende con, che porta verso, che tiene per mano la vita di ogni figlio riconosciuto come frammento di sé, come frammento di luce, come piccole stelle in potenza, che hanno bisogno solo di bruciare d’Amore.

ORAZIONE

O Chiave di Davide, scettro della casa di Israele, che apri, e nessuno può chiudere, chiudi, e nessuno può aprire: vieni, libera l'uomo prigioniero, che giace nelle tenebre e nell'ombra di morte.

Tu hai voluto, o Padre, che all’annuncio dell’angelo la Vergine immacolata concepisse il tuo Verbo eterno, e avvolta dalla luce dello Spirito Santo divenisse tempio della nuova alleanza: fa’ che aderiamo umilmente al tuo volere, come la Vergine si affidò alla tua parola. 

Altro in questa categoria: La meta del cammino è Betlemme »

Gli ultimi articoli

Riflessioni sulla visita di papa Frances…

08-02-2023 I Nostri Missionari Dicono

Riflessioni sulla visita di papa Francesco in Congo

Benedetto colui che viene nel nome del Signore! (Gv 12,12-16) È indescrivibile la gioia con cui è stato accolto il Sommo...

Leggi tutto

La convivialità delle differenze

06-02-2023 Preghiera missionaria

La convivialità delle differenze

LEGGI Partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidone. Ed ecco, una donna cananea, che...

Leggi tutto

Buone notizie dal Sud Sudan

06-02-2023 Notizie

Buone notizie dal Sud Sudan

Alcuni stralci di due interventi di Papa Francesco nella visita ecumenica nel Sud Sudan. L’impegno della chiesa per rinnovare la...

Leggi tutto

La missione in un contesto intercultural…

06-02-2023 Missione Oggi

La missione in un contesto interculturale

“Il missionario è chiamato a vivere e testimoniare una comunione che valorizza la diversità con un atteggiamento di kènosi di...

Leggi tutto

Il cardinale Steiner visita il popolo Ya…

06-02-2023 Notizie

Il cardinale Steiner visita il popolo Yanomami per conto di Papa Francesco

Il Cardinale Leonardo Steiner, vescovo di Manaus, è arrivato a Boa Vista, capitale dello Stato di Roraima, per esprimere, a...

Leggi tutto

Corso di "Aggiornamento" per m…

06-02-2023 I Nostri Missionari Dicono

Corso di "Aggiornamento" per missionari consacrati da 25 anni

Padre Antonio Rovelli ci ha battezzato “The G25 Group”. Siamo 14 Missionari della Consolata che hanno compiuto circa 25 anni...

Leggi tutto

V Domenica del tempo ordinario (Anno A)…

02-02-2023 Domenica Missionaria

V Domenica del tempo ordinario (Anno A). Siete il sale della terra e la luce del mondo

Is 58, 7-10;Sal 111;1 Cor 2,1-5;Mt 5, 13-16. Il testo di Mt 5,13-16 fa parte del celebre “discorso della montagna” (cfr...

Leggi tutto

Lasciarsi trasformare dell'ambiente

30-01-2023 Preghiera missionaria

Lasciarsi trasformare dell'ambiente

LEGGI Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al...

Leggi tutto

Chiusura del biennio sulla persona

30-01-2023 Notizie

Chiusura del biennio sulla persona

Il 28 gennaio è stata celebrata la conclusione del "Biennio sulla persona". Questa liturgia, diponibile per tutte le comunità IMC...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus