III Domenica di avvento (Anno a). I ciechi riacquistano la vista, i lebbrosi sono purificati

Pubblicato in Domenica Missionaria
Vota questo articolo
(3 Voti)

Is 35,1-6a. 8a.10;
Gc 5,7-10;
Mt 11,2-11.

La liturgia di questa terza domenica d’Avvento chiamata “dominica gaudete”, gaudete cioè rallegratevi, ci invita alla gioia, che dovrebbe caratterizzare il cristiano perché è vicino l'intervento liberatore di Dio e dovrebbe accendere la speranza nel cuore dei credenti, con canti di gioia e giubilo perché Dio sta arrivando per dare nuova vita al suo popolo, liberarlo e condurlo nella terra della libertà. Gesù, nel Vangelo, indica i segni della presenza del Messia: Egli dà la vista ai ciechi, fa riacquistare agli zoppi il movimento, guarisce i lebbrosi, fa udire i sordi, risusciterà i morti: è questa immagine di vita nuova e di speranza che Gesù ci offre.

Si rallegrino il deserto e la terra arida, esulti e fiorisca la steppa

Per il profeta Isaia l’intervento di Dio, motivo di gioia per il popolo di Israele in esilio, si manifesta attraverso una trasformazione. Egli comincia con delle immagini della natura che si trasforma. Per esempio il deserto, luogo triste, sterile dove non cresce niente, segno dunque di tristezza, deve rallegrarsi, gioire perché fiorirà e sarà vestito di vita abbondante e di bellezza. Quel luogo inospitale e inabitato diventerà un luogo vivibile e di gioia. Una realtà di morte e senza alternative diventerà una luogo di vita e di speranza. Così come la natura si trasforma, anche il popolo di Dio deve prepararsi alla trasformazione deve prepararsi all'azione liberatrice di Dio per il suo popolo. 

Con questa premessa, il Profeta invita il popolo ad aver coraggio, a non temere: “Ecco il vostro Dio, giunge la vendetta, la ricompensa divina. Egli viene a salvarvi”. Anche per loro ci sarà una trasformazione: si apriranno gli occhi dei ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi, lo zoppo salterà come un cervo, griderà di gioia la lingua del muto. Ci sarà un sentiero e una strada che porteranno alla gioia. Nessuno scoraggiamento: Dio è lì per salvare e liberare il suo popolo. Gli esuli devono unirsi alla natura in questo flusso di gioia e di nuova vita, perché la liberazione è arrivata.

I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati

Il testo evangelico identifica Gesù con la presenza salvifica e liberatrice di Dio tra gli uomini. Giovanni manda a chiedere a Gesù: “sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”. Gesù risponde con i segni della sua presenza: “i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo”. Gesù parla dei ciechi, degli zoppi, dei lebbrosi, dei morti e dei poveri, la loro situazione verrà radicalmente trasformata. La risposta di Gesù è ovviamente positiva: egli usa una serie di citazioni tratte da Isaia che definiscono, dal punto di vista dei profeti, l'azione del Messia inviato da Dio: dare la vita ai morti, guarire i sordi, dare la vista ai ciechi, donare la libertà   di movimento agli zoppi, annunciate la Buona Novella ai poveri. Il messaggio e i gesti di Dio contengono una proposta liberatrice agli uomini e questo è motivo di gioia per il suo popolo.

Gesù viene ad operare queste trasformazione: viene per far ascoltare i "sordi" dei nostri tempi, coloro che sono chiusi in un mondo senza comunicazione e senza dialogo; far vedere i "ciechi", coloro che sono chiusi nelle tenebre dell'egoismo o della violenza; fa camminare gli "zoppi", quelli che sono impediti a muoversi per andare verso i fratelli per liberare i prigionieri, privati della libertà, nascosti dietro le sbarre in cui la società li chiude. Noi dobbiamo continuare questa missione profetica di Gesù per instaurare il regno di Dio sulla Terra.

Come Gesù, il discepolo missionario, dev’essere, come ha detto Papa Francesco “lo strumento concreto della misericordia del Padre, che a tutti va incontro portando la consolazione e la salvezza, e in questo modo manifesta il giudizio di Dio. I ciechi, gli zoppi, i lebbrosi, i sordi, recuperano la loro dignità e non sono più esclusi per la loro malattia, i morti ritornano a vivere, mentre ai poveri è annunciata la Buona Notizia. E questa diventa la sintesi dell’agire di Gesù, che in questo modo rende visibile e tangibile l’agire stesso di Dio”.

Gli ultimi articoli

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Leggi tutto

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Leggi tutto

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus