Festival della missione. Farsi carico del dolore della vittima

Suor Nelly León Suor Nelly León Foto Festival della Missione
Pubblicato in Missione Oggi

Voglio cominciare dicendovi che da 18 anni sto lavorando nel carcere femminile della città di Santiago del Cile: quando la mia comunità del Buon Pastore mi ha inviato in questo luogo l'ha fatto con l'intenzione di evangelizzare queste donne che erano private della loro libertà.

Quando ho potuto conoscere la realtà in cui vivevano queste persone -erano quasi due mila  donne rinchiuse in un carcere pensato per 600, soggiogate dalla povertà e dalla miseria- sono arrivata alla conclusione che non c'erano le condizioni minime per parlare loro di un Dio che ama; prima era necessario conoscere le loro storie. Ho visto drammatici episodi di povertà, abuso e violenza; bisognava superarli per recuperare la loro dignità violata e sminuita. 

Assieme a un sacerdote, e ispirati nel celebre episodio del vangelo, abbiamo creato la fondazione "donna alzati" (cf. Mc 5,41), e abbiamo cominciato a lavorare con loro quattro dimensioni importanti per la vita di una persona macchiata da un delitto: la misericordia, l'accoglienza, il perdono e la restaurazione.

È stato necessario aiutare queste donne a rendersi consapevoli di avere in diversi modi fatto del male ad altri ma allo stesso tempo di essere a loro volta vittime di un sistema ingiusto che le calpestava permanentemente perché non dava loro nessuna possibilità, quasi sempre prive di educazione e nella più assoluta miseria.

L'essere con loro, avere qualcuno dalla loro parte permette loro di sentirsi abbracciate dall'amore di Dio e restaurava la loro identità personale: era È primo passo verso il  riconoscimento del male fatto.

In Cile i carcerati spesso non sono visibili: le pareti del carcere sono molto alte ma non tanto per evitare che i prigionieri scappino, ma per evitare che siano semplicemente visti. È una sottile forma per cancellare la loro identità. In questo senso è stata provvidenziale la visita del Papa Francesco che ha fatto vedere al Cile e al mondo intero la realtà di queste donne private di libertà.

Per lavorare in carcere bisogna essere coraggiosi, io stessa ho sofferto il rifiuto da parte di alcune persone: è un lavoro per niente valorizzato e riconosciuto. 

Personalmente, in occasione della pandemia Covid19, ho deciso di trasferire la mia residenza la dentro perché era l'unica forma per essere presente in quel luogo che improvvisamente era diventato inaccessibile. È stata una esperienza molto positiva dal momento che ho potuto accompagnare da vicino il dolore, l'angustia e anche la paura della morte... loro sapevano che se si fossero ammalate di Covid e sarebbero state portate in ospedale certamente i medici non si sarebbero prodigati per loro.

Potrei dire tante cose sul tema della giustizia riparatrice ma è importante che riconosciate che ricostruire la dignità e la vita di una persona è un processo lento. Quando mi chiedono quante donne si convertono... io sinceramente rispondere di non saperlo: Dio solo sa ed è un processo lungo e che dura tutta la vita. Ma una cosa la so: alzare chi è caduto vale tutti gli sforzi del mondo e anche in carcere si può arrivare a vivere la libertà più vera che è quella del cuore.

Abbiamo lavorato molto per avere leggi che favoriscano processi non di castigo ma di restaurazione; il sogno della fondazione "donna alzati" è quello di un paese giusto con donne libere; è importante essere coraggiosi e lottare per costruire leggi che non schiaccino ma che innalzino le persone. La legge, come ha detto Gesù, non deve schiacciare lo spirito.

* Suor Nelly León dell'ordine di Nostra Signora del Buon pastore, cappellana del carcere femminile di Santiago del Cile.

Gli ultimi articoli

CAM Torino: Ponti culturali accessibili

17-05-2024 Notizie

CAM Torino: Ponti culturali accessibili

Il primo anno di attività del Polo Cultures and Mission. Accessibilità della cultura, cittadinanza responsabile e impatto sociale sono le...

Nuovi membri del Consiglio della Delegazione della Costa d'Avorio

17-05-2024 Notizie

Nuovi membri del Consiglio della Delegazione della Costa d'Avorio

Il nuovo Consiglio è stato scelto per il biennio 2024-2025 a seguito dell’improvvisa scomparsa, giovedì 18 aprile, dell'ex superiore della...

Domenica di Pentecoste / B - Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra

16-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Domenica di Pentecoste / B - Manda il tuo Spirito, Signore, a rinnovare la terra

At 2,1-11; Sal 103; Gal 5,16-25; Gv 15,26-27; 16,12-15 Nella solennità di Pentecoste, la liturgia della Parola ci invita a contemplare...

Mons. Peter Makau: Obbedienza al Santo Padre

16-05-2024 Notizie

Mons. Peter Makau: Obbedienza al Santo Padre

“Dio che mi ha chiamato mi darà le grazie necessarie per svolgere la sua missione” Il missionario della Consolata, Mons. Peter...

Consolata Brasile: una famiglia al servizio della missione

15-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Consolata Brasile: una famiglia al servizio della missione

La prima Conferenza dei missionari della Consolata in Brasile –Regione unificata nel 2019– si è svolta a San Paolo dal...

Conferenza Sudafrica-Eswatini: Un invito all'impegno nel Signore

15-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Conferenza Sudafrica-Eswatini: Un invito all'impegno nel Signore

L'incontro, tenutosi a Newcastle in Sudafrica è iniziato il 13 e durerà fino al 17 maggio 2024 con la partecipazione...

Testimoniare la fede in dialogo con altri fedi, è possibile?

14-05-2024 Missione Oggi

Testimoniare la fede in dialogo con altri fedi, è possibile?

In occasione del mese missionario straordinario di 2019 Battezzati e inviati, padre Matteo Pettinari racconta la sua esperienza nell’ambito del...

Ricordando padre Giovanni Bonanomi: L'uomo tollerante

14-05-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ricordando padre Giovanni Bonanomi: L'uomo tollerante

«Si parla di un popolo tollerante, e posso giurare che ce ne sono pochi, se non rari! La tolleranza è...

Alluvioni in Brasile: la solidarietà del Papa

13-05-2024 Notizie

Alluvioni in Brasile: la solidarietà del Papa

Francesco ha espresso all’arcivescovo di Porto Alegre e presidente della Conferenza nazionale dei vescovi del Paese, la sua vicinanza a...

onlus

onlus