XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). "Stava alla sua porta, coperto di piaghe"

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). "Stava alla sua porta, coperto di piaghe" Foto Zilio
Pubblicato in Domenica Missionaria
Vota questo articolo
(0 Voti)

Am 6,1a.4-7;
Sal 145:
1 Tm 6,11-16;
Lc 16, 19-31.

Le letture liturgiche di questa domenica ci parlano dell'atteggiamento che dobbiamo avere con i poveri: condividere con loro la ricchezza umana che Dio ha messo nelle nostre vite. Mentre Amos condanna il lusso ostentato e la corruzione dei ricchi che vivono nell'abbondanza e non s'interessano dei poveri, nel parabola del Vangelo, Gesù sottolinea l'importanza del buon uso delle ricchezze e della premura verso i bisognosi.

Guai agli spensierati di Sion

La pagina del libro di Amos, il profeta denuncia le colpe di un gruppo privilegiato, i notabili della "casa d'Israele", ed inizia con questa esclamazione: "Guai agli spensierati di Sion e a quelli che si considerano sicuri sulla montagna di Samaria! Chi sono questi "spensierati di Sion"? Per il profeta Amos "gli spensierati di Sion" sono tutti coloro che pensano di godersi la vita, ai danni degli altri, consumando, sprecando beni, cercando solo soddisfazioni e i piaceri della carne. Il peccato di questi ricchi chi vivono in una società opulenta è essere spensierati cioè dimenticare la miseria del mondo che li circonda: vivono, bevono e non si preoccupano di niente. La ricchezza crea indifferenza e incapacità di amare. Come vedremo nel Vangelo, il peccato del ricco epulone non è quello di stare a tavola con gli amici ma di non darsi pensiero di Lazzaro che è nella miseria e nella sofferenza.

Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe

Nel Vangelo di Luca, viene proposta una celebre parabola, l'unica di Gesù ad avere un personaggio con un nome proprio, Lazzaro, che in ebraico vuol dire: "Dio aiuta". Il ricco, invece, non ha nome perché vive totalmente assorbito da sé stesso e dai suoi beni; per questo è del tutto indifferente al povero accasciato alla sua porta. Il racconto inizia con la presentazione dei due protagonisti: il ricco e il povero Lazzaro: "C'era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente e un povero, di nome Lazzaro, che stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco". Il confronto tra questi due personaggi tende a presentare il primo come uno che è un egoista, tutto dedito al godimento dei suoi beni, senza alcun interesse per chi è nel bisogno; egli non invita certo i poveri alla sua tavola. La sua porta era chiusa verso i poveri ed aperta verso i ricchi. Anzi era aperta verso i cani ma non i poveri. In un certo senso, possiamo dire che questo uomo ricco non faceva niente di male: banchettava lautamente, e questo non è un peccato. Ma doveva pensare al povero. Ometteva di fare del bene. La parabola sottolinea l'importanza del buon uso delle ricchezze e della premura verso i bisognosi. Insegna che con la morte c'è il giudizio personale, che non potrà più essere modificato.

Siamo consapevoli che in questo mondo ci sono i ricchi epuloni che si permettono di tutto e poi tanti milioni di mendicanti, come Lazzaro del Vangelo di oggi, che vanno alla ricerca del minimo indispensabile per la loro dignità umana. E quel minimo gli viene negato proprio da chi ha di tutto e di più, sfruttando anche i beni comuni. 

Il discepolo missionario è consapevole che "sarà condannato non per le sue ricchezze, ma per essere stato incapace di sentire compassione per Lazzaro e di soccorrerlo", come l'ha ben detto Papa Francesco.

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Settembre 2022 23:58

Gli ultimi articoli

Ancora pochi giorni... proposte per tutt…

26-09-2022 Formazione missionaria

Ancora pochi giorni... proposte per tutte le età

La missione è questione di partenza per paesi esteri ma anche di ritorno a casa. Una volta rientrati si può...

Leggi tutto

Da persona a persona

26-09-2022 Preghiera missionaria

Da persona a persona

La samaritana torna nella sua città a raccontare quanto è accaduto. Torna in quel luogo dove tutti la conoscono e...

Leggi tutto

Venezuela. Shock e consolazione

26-09-2022 Missione Oggi

Venezuela. Shock e consolazione

Joseph Kihiko, keniota di 35 anni, lavora nella parrocchia di San Joaquín y Santa Ana de Carapita (Caracas, Venezuela). Questo...

Leggi tutto

A Martina Franca "Siamo tutti Frate…

26-09-2022 I Nostri Missionari Dicono

A Martina Franca "Siamo tutti Fratel Argese"

Adesso, anche a Martina Franca, dove Peppino è nato, i giovani sanno chi era Fratel Argese: straordinario Missionario della Consolata...

Leggi tutto

Giornata Mondiale del Migrante e Rifugia…

26-09-2022 Notizie

Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato. Costruire il futuro con i migranti e i rifugiati

Cari fratelli e sorelle!  Il senso ultimo del nostro “viaggio” in questo mondo è la ricerca della vera patria, il Regno...

Leggi tutto

Con lo spirito del buon samaritano

26-09-2022 Notizie

Con lo spirito del buon samaritano

Le porte sono sempre aperte. Di notte e di giorno. L’accoglienza nella parrocchia di Oujda, in Marocco, non ha orari...

Leggi tutto

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno …

21-09-2022 Domenica Missionaria

XXVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C). "Stava alla sua porta, coperto di piaghe"

Am 6,1a.4-7;Sal 145:1 Tm 6,11-16;Lc 16, 19-31. Le letture liturgiche di questa domenica ci parlano dell'atteggiamento che dobbiamo avere con i...

Leggi tutto

È quasi già festival

20-09-2022 Formazione missionaria

È quasi già festival

{youtube}https://www.youtube.com/watch?v=rKDXIMbDAeY{/youtube} SCARICA LIBRETTO SCARICA DEPLIANT

Leggi tutto

Non sentirsi arrivati ma uomini in cammi…

20-09-2022 Preghiera missionaria

Non sentirsi arrivati ma uomini in cammino

Non sentirsi arrivati ma uomini in cammino, e quindi in continua crescita, sembra essere alla base del cammino spirituale. Un...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus