Il Signore nel cammino di Maria e di ciascuno di noi

Pubblicato in Preghiera missionaria
Vota questo articolo
(0 Voti)

20220605 preghiera

ASCOLTA

Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all'angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo». Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto». E l'angelo partì da lei. (Lc 1,26-38)

RIFLETTI

L'annuncio è fatto al sesto mese dal concepimento di san Giovanni Battista. C'è, tuttavia, una somiglianza tra la nascita di Gesù e quella di San Giovanni. La prima è molto superiore alla seconda, cosa che il testo sottolinea costantemente. La missione di Gesù è descritta come quella del Messia tradizionale (v. 31-33), con oracoli profetici (2 Sam 7,14,16; Is 7,14; 9,6) e come quella del Figlio di Dio ( v. 35), della cui misteriosa filiazione è segno il concepimento verginale.

“Salve”. L'imperativo (kaire) qui va oltre il contesto del solito saluto. È l'eco degli annunci di salvezza alla «figlia di Sion» (2 Re 19,21-28; Is 1,8; 12,6; Ger 4,31; Zf 3,14-17; Gl 2,21 ; Zac 2,14). Il saluto dell'angelo è un invito alla gioia messianica (v. 14. 44. 47; 2.10).

“Piena di grazia”, termine greco rivolto a Maria; si trova solo in Sir 18,17; Ef 1,6. Simile alla parola grazia (favore del re, amore dell'amato), il termine è attribuito a Maria, come a colei che è oggetto della predilezione e dell'amore di Dio.

“Il Signore è con te”, espressione che ricorre frequentemente nei racconti vocazionali (Es 3,12; Gdc 6,12; Ger 1,8,19; 15,20). Il Signore che si fa presente nel cammino di ciascuno per comunicarci il suo progetto di vita. Questo è possibile solo con Lui, perché in sua assenza nulla è possibile.

Questo primo momento dell'annuncio deve condurci al momento cruciale della nostra vita. Una chiamata fatta nella vita quotidiana di ciascuno di noi, attraverso segni semplici ma efficaci che ci hanno fatto pensare e mettere in ordine la nostra stessa esistenza. Questa che si fa nella verginità, da un cuore puro e docile alla parola di Dio.

Come Maria, ognuno di noi è stato chiamato da Dio a compiere la sua opera tra i popoli ai quali siamo inviati. Dio ci dona grazia e potenza per poter svolgere la sua opera nel mondo, come amati figli di Dio. Alla sua presenza lanciamo le reti della nuova evangelizzazione che sta nascendo nel mondo. Con la certezza che il Signore è con noi e se facciamo la sua volontà saremo sempre i benedetti di Dio. Ogni vocazione è personale, così come la sua risposta, ma tutti ne siamo beneficiari.

Il discernimento è importante lungo la strada. Non dobbiamo dare nulla per scontato, perché possiamo perdere l'orizzonte, la meta di tutto il percorso. Il discernimento ci porta ad approfondire le realtà terrene alla luce delle realtà celesti per dare un significato più profondo alle prime, senza paura, ma pieni di speranza. E ci chiediamo se vogliamo essere uno in più in mezzo alla folla o vogliamo distinguerci con proposte innovative ed efficaci per dare una risposta impegnata e diversa alla realtà attuale?

Lo Spirito Santo che opera nella creazione (Gen 1,2) è lo stesso che interviene nell'investitura del Messia, così come nel ministero dei profeti (Lv 4,3; 1 Sam 9,16; 2 Sam 2 :2-4; Sal 23,5; Is 45,1; Ez 34,23-24; Zc 4,14; Mc 6,14; 8,27-30). “Estendendo la sua ombra”, indica l'effettiva presenza di Dio in mezzo al suo popolo (Es 40,35; Num 9,18.22; 10,34). Ed è Santo perché indica l'appartenenza totale ed esclusiva a Dio; è uno degli attributi più antichi per esprimere la divinità di Cristo (At 3,14; 4,27.30). Essere il Figlio di Dio è una designazione del Messia; esprime il misterioso rapporto che unisce Gesù a Dio Padre. E questa espressione, in san Luca, viene solo nella voce del Padre (3,22; 9,35), di Gesù (10,22; 22, 70) e degli Angeli. Questo titolo approfondisce quello di figlio dell'Altissimo (v.32). Gesù, dopo aver ricevuto il Battesimo, mostrerà la sua solidarietà con le persone e darà senso al movimento della loro conversione. È un fatto pubblico al centro del quale c'era il Profeta unto di Spirito (1,35; 4,18-19), il Figlio di Dio, il Messia annunciato nell'AT.

MEDITA

Come percepisco nella mia vita quotidiana la chiamata di Dio e quali segni mi dà della sua volontà?
Come vivo la mia vocazione cristiana e missionaria nella prospettiva della nuova evangelizzazione?
Chi sono i destinatari specifici della mia evangelizzazione? Quali sono le mie paure quando si tratta di evangelizzare? Come vivo la vocazione missionaria di tutti i cristiani?
In che misura sono docile allo Spirito Santo per rispondere, dalla mia vocazione, alle sfide della nuova evangelizzazione?

Altro in questa categoria: La consolazione che viene da Dio »

Gli ultimi articoli

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

27-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Padre Ashenafi: “studiare la storia mi avvicina alla missione”

La situazione attuale e futura della missione ad gentes esige dei missionari qualificati per svolgere con competenza il servizio pastorale...

Leggi tutto

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

27-02-2024 Notizie

Venezuela: Caracas e Mosca, amore interessato

Maduro e un'opposizione tutta femminile In attesa di stabilire la data delle elezioni presidenziali, il governo Maduro prova a fermare un'opposizione...

Leggi tutto

Ucraina: “La vita è cambiata”

26-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Ucraina: “La vita è cambiata”

Sono passati due anni da quando la guerra in Ucraina è iniziata con l'invasione russa.  In tutto il mondo, le...

Leggi tutto

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

26-02-2024 Missione Oggi

Conferenza Regionale programma la missione in Etiopia

I missionari delle missioni di Weragu, Gambo, Halaba, Modjo, pieni di zelo e con il cuore colmo di storie e...

Leggi tutto

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

25-02-2024 Notizie

L’angoscia del Papa per i rapimenti in Nigeria e le violenze in RD Congo

Appello all’Angelus per i due Paesi africani. Francesco si unisce alla preghiera di pace dei vescovi congolesi auspicando “un dialogo...

Leggi tutto

La commemorazione dell’Allamano 1926

25-02-2024 Triennio Allamano

La commemorazione dell’Allamano 1926

Mons. Giovanni Battista Ressia (1850-1933), originario da una famiglia di contadini di Vigone (TO), fece i primi studi fino alla...

Leggi tutto

Corea: un abbraccio senza confini

24-02-2024 Missione Oggi

Corea: un abbraccio senza confini

Le speranze di padre Pietro Han, IMC, di arrivare un giorno alla riconciliazione fra le due Coree La foto si può...

Leggi tutto

Un regalo inaspettato

23-02-2024 I Nostri Missionari Dicono

Un regalo inaspettato

Un viaggio nella savana africana dove la dolcezza delle caramelle diventa la chiave che apre le porte alla connessione umana...

Leggi tutto

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

23-02-2024 Missione Oggi

Enzo Bianchi e Ignazio Ingrao: "Cinque domande che agitano la Chiesa"

Si è svolto giovedì 15 febbraio al Polo Culturale “Cultures And Mission” dei Missionari della Consolata a Torino l’incontro «Le sfide...

Leggi tutto

Articoli correlati

onlus

onlus