Aug 14, 2018 Last Updated 10:01 PM, Aug 15, 2018

KENYA - “Non riusciamo a riconoscere il volto di Dio nei fratelli”: il Vescovo Kihara condanna la corruzione

Categoria: Notizie
Visite: 40 volte

09 SL 2 mayers corruption 620x330

Analfabetismo, malattie e povertà sono tre mali che assediano il Kenya. Ma a causa del fenomeno della corruzione, ben poco si è fatto per migliorare la situazione e combattere questi mali: lo afferma Mons. Peter Kihara, Vescovo di Marsabit, chiedendo alla popolazione di prendere coscienza dei bisogni degli altri e di promuovere un’equa condivisione delle risorse del paese. In una recente omelia, il Vescovo Kihara ha ricordato che, al momento dell’indipendenza del Kenya, il primo Presidente allora eletto aveva dichiarato che il paese doveva lottare contro tre nemici principali: analfabetismo, malattie e povertà. “Dal 1963 ad oggi purtroppo non è cambiato niente, sembra anzi che la situazione sia peggiorata. E’ davvero molto triste quello che sentiamo continuamente dai mass media. Non si parla altro che di corruzione, in ogni settore della società” ha detto il Vescovo, aggiungendo che tante persone soffrono a causa dell’egoismo di alcuni individui.

“La ricchezza e le risorse di questo paese sono destinate a tutti i keniani, non solo a poche persone che pensano di meritare il meglio rispetto al resto dei cittadini” rileva nella nota inviata a Fides, condannando “coloro che stanno distruggendo le risorse pubbliche per il proprio tornaconto personale”. Nella nota Kihara ricorda la sperequazione tra i pochi ricchi e i tanti keniani che vivono senza neanche poter soddisfare le proprie necessità di base. “È inutile accumulare ricchezza a spese del prossimo se ciò che si accumula non porta un sorriso agli altri meno privilegiati. Significa che noi cittadini di questo grande paese non riusciamo a riconoscere il volto di Dio nei nostri fratelli. La povertà continua a crescere, le malattie comuni uccidono ancora il nostro popolo, dov’è la nostra umanità?” si chiede il Vescovo.

Anche il Presidente Uhuru Kenyatta ha recentemente annunciato che nel paese verrà condotto un sondaggio sullo stile di vita di tutti i dipendenti pubblici, incluso se stesso. A tutti i dipendenti pubblici verrà chiesto di giustificare la provenienza dei loro redditi e tutti coloro che risulteranno irregolari saranno interrogati. “Ogni cittadino dovrà essere in grado di spiegare come ha guadagnato i soldi per acquisti come macchina, casa e la terra”, ha detto il presidente ai media. (AP)


Recenti

Maria Assunta

13 Ago 2018 Preghiere Missionarie

Claudio Perani, un anticipo de…

13 Ago 2018 Missione Oggi

Papa: Cari giovani camminate n…

13 Ago 2018 Finestra sul Mondo

La terra e chi l’abiterà nei p…

13 Ago 2018 Finestra sul Mondo

Festa dell’Assunzione della Be…

13 Ago 2018 Domenica Missionaria

Rechazo a la vida sexual libre…

11 Ago 2018 I Nostri Missionari Dicono

P. Josiah Okal: “Es tiempo de …

10 Ago 2018 I Nostri Missionari Dicono

Costa Rica: l’impegno della Ch…

09 Ago 2018 Finestra sul Mondo

Ricorrenze: quale fu l’impegno…

09 Ago 2018 Finestra sul Mondo

Venezuela: un paese anestetizz…

08 Ago 2018 I Nostri Missionari Dicono